Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Ericsson al Mwc, la spinta al 5G potrebbe arrivare dall'IA

Ericsson al Mwc, la spinta al 5G potrebbe arrivare dall'IA

Ibm, non considerarla solo minaccia

ROMA, 27 febbraio 2024, 14:51

Redazione ANSA

ANSACheck

© ANSA/EPA

© ANSA/EPA
© ANSA/EPA

Il 5G è l'eterna promessa del mondo delle telecomunicazioni, che stenta a diventare una tecnologia accessibile per i consumatori. Il motivo, secondo Andrea Missori, Presidente di Ericsson Italia, è più di uno. "Tra i tanti - dice all'ANSA durante il Mobile World Congress di Barcellona - c'è la concorrenza estrema che, soprattutto nel nostro Paese, ha portato ad avere le tariffe tra le più basse in Europa. Gli operatori hanno perso, lo scorso anno, più soldi di quanti hanno investito, qualcosa che non si vedeva da decenni.

Si dovrebbe collaborare di più a livello locale e globale e invece lo scenario è sempre più frammentato e rallentato". Sotto questo punto di vista, un supporto potrebbe arrivare dall'intelligenza artificiale. "L'IA entra in campo per ottimizzare la programmazione della rete: le infrastrutture sono molto più complesse e per essere gestite correttamente devono eseguire adattamenti in tempo reale, questione di secondi". Il riferimento è a quando una connessione domestica deve dare priorità allo streaming di una videochiamata o allo streaming di una partita. Operazioni che è possibile eseguire in autonomia tramite l'IA".

Lo stesso concetto è espresso da Priya Kurien, Global Research Lead di Ibm. "Alcune tecnologie troveranno un grande beneficio dall'avvento dell'intelligenza artificiale. Pensiamo al quantum computing, che ancora adesso è oggetto di studi e analisi. L'IA può aiutarci non solo a rendere il calcolo quantistico reale ma anche a sbloccare nuove applicazioni in tanti settori, dalla medicina alla cybersecurity". Secondo il manager, uno sbaglio che potremmo fare è quello di considerare l'IA una minaccia, piuttosto che una risorsa: "Bilanciare aspetti positivi e rischi non è semplice ma se le organizzazioni, insieme ai governi, lavorano insieme per sviluppare un'etica nell'uso della tecnologia, si raggiungerà un punto di incontro tale da aprire opportunità oggi inesplorate".

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza