Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Gb, quasi metà degli adolescenti si sente dipendente dai social

Gb, quasi metà degli adolescenti si sente dipendente dai social

Studio University of Cambridge su un campione di 19 mila ragazzi

ROMA, 04 gennaio 2024, 13:42

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Quasi la metà degli adolescenti britannici afferma di sentirsi dipendente dai social media, una sensazione avvertita più dalle ragazze che dai ragazzi. E' il risultato di un studio portato avanti da un team della University of Cambridge su un campione di 19 mila nati tra il 2000 e il 2002 nel Regno Unito, di cui dà notizia il Guardian.
    La ricerca, condotta dal team della dottoressa Amy Orben, ha utilizzato i dati dello studio Millennium Cohort. Al gruppo è stato chiesto del rapporto con i social media. Delle 7.000 persone che hanno risposto, il 48% ha affermato di essere d'accordo o fortemente d'accordo con l'affermazione "penso di essere dipendente dai social media". Secondo i dati condivisi con la testata, una percentuale maggiore di ragazze (57%) era d'accordo rispetto ai ragazzi (37%).
    "La dipendenza percepita dai social media non è la stessa cosa della dipendenza dalla droga. Ma non è una bella sensazione sentire di non avere potere sul proprio comportamento. È piuttosto sorprendente che così tante persone si sentano così", afferma Georgia Turner, che ha condotto l'analisi.
    Negli ultimi anni c'è stata una preoccupazione crescente sulle tecnologie digitali in rapporto ai comportamenti compulsivi, con l'Organizzazione Mondiale della Sanità che ha inserito il "disturbo da gioco" nella classificazione internazionale delle malattie.
    Secondo Michael Rich, direttore del Digital Wellness Lab presso l'ospedale pediatrico di Boston, i risultati sono in linea con l'esperienza clinica del suo centro secondo cui una parte significativa di giovani lotta con l'"uso problematico dei media interattivi" (Pimu), che comprende social media, giochi, pornografia ma anche una "abbuffata" di informazioni come brevi video, blog, siti.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza