Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Campagna di scavi svela i segreti dei campi di prigionia all'Asinara

Campagna di scavi svela i segreti dei campi di prigionia all'Asinara

Nell'isola parco reclusi 24mila soldati della grande guerra

SASSARI, 01 luglio 2023, 11:13

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

SASSARI - Alla fine del 1915, con l'infuriare della prima guerra mondiale, l'isola dell'Asinara fu scelta per ospitare 24mila prigionieri austro-ungarici catturati e radunati in Serbia e a questo scopo furono allestiti cinque campi. Campi che sono stati svelati nella loro collocazione e organizzazione grazie a una campagna di ricerca appena conclusa, la prima del genere in Italia, coordinata dal dipartimento di Storia, Scienze dell'uomo e della formazione dell'Università di Sassari, in collaborazione con il Parco nazionale dell'Asinara e il Comune di Porto Torres.
    I prigionieri austro-ungarici erano in gran parte ammalati di tifo, dovevano quindi essere isolati in una zona sicura, in modo che non potessero scatenare un'epidemia. L'Asinara fu appunto scelta come luogo ideale e qui furono allestiti cinque campi di prigionia. Le indagini archeologiche dirette da Marco Milanese, ordinario di archeologia nel dipartimento di Storia dell'ateneo sassarese, hanno consentito di svelare i primi segreti di quei campi. La ricerca, condotta anche con droni per i rilevamenti aerofotogrammetrici e con missioni subacquee, si è concentrata in particolare nella zona di Stretti, dove era stato allestito il campo profughi per ufficiali medici.
    Qui sono state rilevate una cinquantina di basi in pietra per altrettante tende che ospitavano quattro prigionieri ciascuna.
    Sono stati mappati anche i cimiteri di ciascun campo, da dove i resti umani erano già stati traslati in passato nell'ossario dell'Asinara. Dalle ricerche subacquee sono stati invece individuati i moli utilizzati per l'approdo delle barche che portavano i rifornimenti ai campi.
    Pur senza effettuare degli scavi veri e propri, è stato possibile ritrovare oggetti della vita quotidiana dei prigionieri, come gavette e bottoni delle divise militari. Ora l'obiettivo degli studiosi è ottenere le autorizzazioni ministeriali e i finanziamenti necessari per effettuare veri e propri scavi nelle aree dei campi.
    Il resoconto dei ritrovamenti e degli studi portati avanti dal 2018 a oggi sarà illustrato il 21 luglio nella sede del Parco dell'Asinara, a Porto Torres. 
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza