Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Moni Ovadia, dai governi israeliani scelte scellerate

Moni Ovadia, dai governi israeliani scelte scellerate

'Ho parlato da uomo libero, non c'entra incarico al teatro'

BOLOGNA, 13 ottobre 2023, 12:19

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Nella bufera per le sue recenti critiche al governo israeliano nei giorni dell'attacco di Hamas, Moni Ovadia non arretra e respinge al mittente le richieste di dimissioni da direttore del teatro comunale di Ferrara. Intervistato dall'edizione locale del Resto del Carlino, Ovadia non nega l'efferatezza dell'attacco di Hamas, "così come non nego il diritto di Israele a difendersi - sottolinea - Ma ciò non toglie che le scelte politiche fatte dai governi israeliani in questi anni siano state scellerate, ai danni del popolo palestinese. Che, malgrado alcuni di loro facciano fatica ad ammettere, esiste".
    "Ho parlato da uomo libero - spiega - ma le mie opinioni personali non hanno nulla a che fare con il mio incarico al teatro". Tra i primi a criticarlo il senatore ferrarese di FdI Alberto Balboni e un invito al "contegno nel suo ruolo istituzionale" è arrivato ieri dal sottosegretario alla Cultura Vittorio Sgarbi, che è anche presidente di Ferrara Arte. Moni Ovadia ha scelto tra l'altro di non presenziare all'apertura della rassegna del libro ebraico ieri sera a Ferarra: "Sono amico del Meis e del suo direttore. Ma ho preferito non presentarmi per evitare di rinfocolare queste sterili polemiche".
    "Bisogna scindere i due piani - dice Ovadia - Quello di direttore del teatro, per me, è un lavoro. E per svolgere questa mansione sono stato chiamato non certo per le mie opinioni personali. Anzi". "Mi pare che quella di Balboni sia una battaglia priva di fondamento. Il senatore di Fratelli d'Italia cerca ogni pretesto per attaccarmi", da parte sua "ci sarebbe la volontà di censurarmi".

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza