Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Minacce alla guardia medica per una ricetta, denunciati

Minacce alla guardia medica per una ricetta, denunciati

Nei guai padre e figlio nel Reggiano, danni all'ambulatorio

REGGIO EMILIA, 26 febbraio 2024, 14:02

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Hanno danneggiato la sede della guardia medica e minacciato il personale sanitario per una prescrizione di un antibiotico. È successo a Guastalla, nella Bassa reggiana, dove un 60enne e un 20enne - padre e figlio - sono stati denunciati dai carabinieri alla procura di Reggio Emilia con le accuse di concorso in danneggiamento, minaccia e interruzione di pubblico servizio. I fatti risalgono a fine novembre quando i due si sono presentati nell'ambulatorio dove sono stati informati sulle modalità di prenotazione e accesso alla struttura. Ma i due hanno forzato la porta esterna, raggiungendo i medici in servizio e minacciandoli per una ricetta di un farmaco che pretendevano con urgenza. Una volta ottenuta, si sono dileguati. Ma i medici hanno poi raccontato e denunciato tutto ai militari della locale stazione, i quali sono risaliti alla loro identità grazie ad indagini e testimonianze raccolte.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza