Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Maltempo: in Emilia scatta l'allerta arancione fino a domani

Maltempo: in Emilia scatta l'allerta arancione fino a domani

Preoccupano i fiumi Arda, Parma, Enza, Secchia e Reno

BOLOGNA, 27 febbraio 2024, 13:26

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Dopo le piogge delle ultime ore, da mezzogiorno è scattata l'allerta arancione su buona parte dell'Emilia. L'allerta di 36 ore riguarda l'area di pianura compresa fra Piacenza e Bologna e l'Appennino emiliano.
    Le precipitazioni, infatti, stanno generando piene con occupazione delle aree golenali e interessamento degli argini nei tratti vallivi dei fiumi Arda, Parma, Enza, Secchia e Reno.
    Saranno possibili fenomeni franosi e di ruscellamento sui versanti, più probabili nelle zone di crinale centro-occidentale.
    Anche domani il maltempo continuerà a destare attenzione con nuovi incrementi dei livelli idrometrici dei fiumi emiliani, che alimenteranno la propagazione delle piene già in atto nei tratti vallivi dei corsi d'acqua, con occupazione delle aree golenali ed interessamento degli argini. Massima attenzione anche per le frane in montagna.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza