Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Primo ok del Pe alla revisione delle norme sulle patenti di guida

Primo ok del Pe alla revisione delle norme sulle patenti di guida

28 febbraio 2024, 15:52

Redazione ANSA

ANSACheck

Primo ok del Pe alla revisione delle norme sulle patenti di guida - RIPRODUZIONE RISERVATA

BRUXELLES, 28 FEB - Patenti online, autovalutazione dell'idoneità alla guida e più informazioni sui pedoni. Sono alcune delle modifiche alle norme Ue sulle patenti di guida proposte dal Parlamento europeo che ha adottato oggi la sua posizione sulla riforma volta a contribuire a migliorare la sicurezza stradale e sostenere le transizioni verde e digitale dell'Ue. In particolare, il progetto di regolamento, approvato con 339 voti favorevoli, 240 contrari e 37 astensioni, punta a garantire strade più sicure per tutti gli utenti, proponendo che la guida in condizioni di neve o scivolose, l'uso sicuro del telefono durante la guida, i punti ciechi, i sistemi di assistenza alla guida e la sicurezza dell'apertura delle porte del veicolo facciano parte dei test del conducente per ottenere una patente.

Il testo propone un periodo minimo di validità di 15 anni per la patente di guida per motocicli e automobili e di cinque anni per autocarri e autobus. D'altro canto, i deputati non sono favorevoli a ridurre la validità delle patenti di guida per gli anziani, come proposto dalla Commissione, per evitare discriminazioni.

I deputati propongono, inoltre, un sistema di autovalutazione dei conducenti sulla propria idoneità alla guida quando viene rilasciata e rinnovata una patente, lasciando ai paesi dell'Ue la decisione di sostituirla con un esame medico con controlli sulla vista e sulle condizioni cardiovascolari. Per i deputati, tuttavia, è necessario che i governi Ue compiano maggiori sforzi per sensibilizzare l'opinione pubblica sui sintomi mentali e fisici che possono mettere una persona a rischio durante la guida.

I neopatentati dovrebbero sottoporsi a un periodo di prova di guida di almeno due anni durante il quale sarebbero soggetti a determinate restrizioni, come limiti di alcol più severi durante la guida e sanzioni più severe in caso di guida non sicura. Per mitigare la carenza di autisti professionisti, i deputati hanno anche convenuto di consentire ai 18enni di ottenere una patente per guidare un camion o un autobus con un massimo di 16 passeggeri, a condizione che siano in possesso di un certificato di idoneità professionale. Inoltre, i diciassettenni dovrebbero poter beneficiare di una patente di guida per auto o camion se accompagnati da un conducente esperto, si legge nel progetto di legge.

Per sostenere il mercato unico dell'Ue, i deputati sono favorevoli all'introduzione di una patente di guida digitale, disponibile su un telefono cellulare e pienamente equivalente alla patente di guida fisica.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

In collaborazione con

O utilizza

Il progetto è stato cofinanziato dall'Unione europea nel quadro del programma di sovvenzioni del Parlamento europeo nell'ambito della comunicazione. Il Parlamento europeo non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre il Parlamento europeo non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto.

ANSA Corporate

Se è una notizia,
è un’ANSA.

Raccogliamo, pubblichiamo e distribuiamo informazione giornalistica dal 1945 con sedi in Italia e nel mondo. Approfondisci i nostri servizi.