Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Ciocca, su imballaggi l'Ue si ostina a penalizzare l'Italia

'Cina e India invece continuano a inquinare'

Redazione ANSA MILANO

(ANSA) - MILANO, 22 NOV - "Con il regolamento imballaggi, l'Ue si ostina a penalizzare le imprese e i cittadini europei, anziché preoccuparsi di Paesi, come Cina ed India, che continuano a inquinare. Invece di tassare ed imporre dazi a coloro che continuano ad inquinare senza limiti, le istituzioni europee scelgono di danneggiare un comparto, quale quello del riciclo italiano, leader in Ue". Lo afferma, in una nota, l'europarlamentare pavese della Lega, Angelo Ciocca.
    "Pur essendo stato migliorato il testo iniziale, non è accettabile che in nome di un ideologismo green da salotto si danneggi un settore da 50 mila posti di lavoro e 15 miliardi di euro di produzioni italiane - afferma l'esponente politico -.
    Grazie all'impegno della Lega e del centrodestra, si è cercato di porre dei primi argini alle folli proposte della sinistra, sventando diversi pericoli che avrebbero messo in ginocchio migliaia di imprese italiane e posti di lavoro. Tuttavia, il provvedimento rimane ideologico, senza alcuna seria valutazione d'impatto a supporto e dato scientifico che spieghi la scelta di preferire il riuso al riciclo. Per questi motivi, il testo dovrà essere profondamente modificato anche nei futuri negoziati".
    (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: