Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Violenza donne: Castaldo, sconfiggere cultura del possesso

'Giulia vittima incolpevole di una violenza cieca e insensata'

Redazione ANSA STRASBURGO

(ANSA) - STRASBURGO, 23 NOV - "Giulia si sarebbe dovuta laureare in ingegneria il 16 novembre. Ma quel giorno, a ricevere quel riconoscimento per cui tanto si era impegnata, non si è potuta presentare, vittima incolpevole di una violenza cieca e insensata, che l'ha brutalmente picchiata nel fisico ed annientata nell'anima, fino a portarle via la vita". Così in un intervento in plenaria a Strasburgo Fabio Massimo Castaldo, europarlamentare del Movimento 5 Stelle.
    "Secondo i dati del 2023 di UN Women, circa 736 milioni di donne come Giulia sono state sottoposte a violenza fisica e/o sessuale o entrambe almeno una volta nella vita: dati esorbitanti, a cui si aggiungono quelli relativi alla popolazione Lgbtiq+. Neanche 6 mesi fa l'Unione Europea ha aderito alla Convenzione di Istanbul, nonostante numerosi Stati, uno fra tutti l'Ungheria, non ne facciano ancora parte", ha spiegato Castaldo.
    "Il 25 Novembre celebreremo la Giornata Internazionale per l'eliminazione della violenza di genere: ma qualsiasi celebrazione sarà inutile e vuota fino a quando non andremo, uniti, nella stessa direzione. Il tentativo del Consiglio di annacquare la Direttiva sulla lotta alla violenza contro le donne e violenza domestica, ora in trilogo, è, senza giri di parole, inaccettabile e vergognoso. Occorre mettere in piedi legislazioni chiare e stringenti, sia a livello europeo che nazionale, basate sulla prevenzione, sull'istruzione e sul sostegno alle strutture che operano per tutelare le vittime di violenza", ha aggiunto l'Eurodeputato.
    "Ma soprattutto occorre sconfiggere questa vergognosa cultura del possesso, e lo dico da uomo. Lo dico da uomo in quest'aula.
    Ciao Giulia, riposa in pace, e scusaci per non aver ancora fatto abbastanza", ha concluso Castaldo. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: