Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Petizione anti-acciaieria, Danieli chiede firme alla Regione Fvg

Petizione anti-acciaieria, Danieli chiede firme alla Regione Fvg

Lo riporta Il Gazzettino. Il Gruppo ricorre al Tar

TRIESTE, 04 gennaio 2024, 16:31

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Ha chiesto al Consiglio regionale del Friuli Venezia Giulia la lista dei firmatari della petizione popolare contro il progetto di un'acciaieria a San Giorgio di Nogaro (Udine) e, non ottenendola per motivi di privacy, ha deciso di ricorrere al Tar. La vicenda è riportata oggi da Il Gazzettino e vede protagonista il gruppo Danieli.
    Al centro della controversia, la costruzione di un impianto Danieli-Metinvest, contro cui erano state raccolte 24mila firme, poi consegnate al Consiglio regionale. Tra le ipotesi del quotidiano, anche che il gruppo ora valuti di rivalersi sui firmatari.
    Dal canto suo oggi la multinazionale ha confermato di aver presentato ricorso al Tar e che lo scopo dell'iniziativa è "al solo fine di avere un quadro informativo completo dal punto di vista amministrativo". "A seguito della volontà della giunta regionale di interrompere la procedura riguardante l'autorizzazione per l'insediamento - spiega una nota - il Gruppo ha inteso raccogliere informazioni per comprenderne le ragioni", anche per "dare ai propri azionisti motivazioni complete". "La Regione ha consentito l'accesso, inclusi i rapporti delle Università di Udine e Trieste e di altri esperti che hanno escluso impatti negativi ambientali e sottolineato aspetti positivi" economici e sociali. "Mancava invece la petizione che, a detta della Regione, ha costituito elemento decisivo per le proprie scelte". Quindi il ricorso al Tar, "in quanto a parere dell'azienda le motivazioni addotte non sono fondate". Secondo Danieli, infine, "l'ipotesi di una causa ai 24mila cittadini è frutto di ricostruzioni giornalistiche fantasiose e destituite di ogni fondamento".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza