Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Le migrazioni nel mondo raccontate con le foto

Le migrazioni nel mondo raccontate con le foto

Chiara Fabbro documenta il fenomeno da Kuala Lumpur a Trieste

TRIESTE, 19 febbraio 2024, 12:31

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

(di Micol Brusaferro) Con le foto documenta le storie dei migranti, sulla rotta balcanica e in altre zone del mondo, per portare alla luce situazioni di emergenza e sostenere la tutela dei diritti umani. Chiara Fabbro è una fotografa nata a Udine e residente a Londra dal 2015 dopo aver vinto una borsa di ricerca europea per lavorare all'Università.
    L'impegno come fotografa è iniziato "con l'interesse per i temi legati alla migrazione e ai diritti umani, unito poi alla volontà di documentare. Ho fatto volontariato, prima a Londra, con una charity che supporta i richiedenti asilo, e con cui collaboro da anni; poi a Calais, in Francia, con una ONG che supporta le persone migranti che vogliono raggiungere il Regno Unito, e a Lesbos, in Grecia, in emergency response per chi arrivava in gommone dalla Turchia".
    È stata ad Amman, in Giordania, con una ONG di rifugiati siriani che si occupa di bambini rifugiati con PTSD, e a Kuala Lumpur, in Malesia, con una ONG che aiuta i senzatetto e i rifugiati. I reportage più significativi li ha realizzati in Bosnia-Erzegovina, dai quali è stata tratta una mostra che ha girato il Paese partendo da Trieste, in Serbia e alle isole Canarie per documentare l'arrivo di persone via mare dall'Africa, la 'rotta atlantica'. Dal 2020 segue di più la 'rotta balcanica'. "E' un tema che mi riguarda da vicino e se ne parla molto meno rispetto alla rotta del Mediterraneo Centrale.
    Sono partita a febbraio 2021 per la Bosnia-Erzegovina per Refugee Rights Europe, che stava preparando un report sul tema e aveva bisogno di foto". "I respingimenti alle frontiere - spiega - sono spesso violenti, violano i diritti umani di chi cerca di raggiungere l'Europa". Bisogna "contrastare la narrazione semplificata che spesso ci viene proposta". Tante le storie incrociate: "Zayneb, bambina irachena di 11 anni che sogna di studiare danza classica. Sua madre aveva cucito per lei e i suoi fratelli un piccolo corano da portare nascosto sotto i vestiti, perché la polizia croata talvolta lo sottraeva durante i respingimenti, oltre ai soldi".
    Chiara Fabbro ha vinto il premio Portrait of Humanity nel 2021, la menzione d'onore al Photography 4 Humanity Global Prize 2020 ed è entrata nella shortlist per il Marilyn Stafford FotoReportage Award nel 2022.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza