Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Schiaffi alla figlia che invia foto osé, assolta a Roma

Schiaffi alla figlia che invia foto osé, assolta a Roma

Per i giudici la madre ha esercitato 'dovere di educazione'

ROMA, 27 febbraio 2024, 11:36

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Il tribunale di Roma ha assolto la madre che aveva colpito la figlia, all'epoca dei fatti 12enne, con alcuni schiaffi dopo averla sorpresa ad inviare foto osé ad un ragazzo di 19 anni. Per i giudici della prima sezione collegiale della Capitale il comportamento della donna, 42enne, rientra nell'esercizio di un diritto o nell'adempimento di un dovere. Della vicenda ha scritto nei giorni scorsi il Corriere della Sera.
    Nelle motivazioni i magistrati affermano che "una volta sorpresa la figlia, la signora ha indubbiamente ritenuto di esercitare quel potere/dovere di educazione e correzione dei figli che deve essere riconosciuto in capo a ciascun genitore". Il fatto risale al 2016 quando la madre nota che la ragazzina era intenta a chattare su Instagram e ne nasce un diverbio durante il quale l'imputata colpisce con schiaffi la figlia.
    Per il collegio questo singolo episodio non rientra nella fattispecie dei maltrattamenti ma, secondo i giudici, si sarebbe dovuta verificare l'eventuale "proporzionalità tra lo 'jus corrigendi', esercitato legittimamente della madre, e un eventuale eccesso colposo".
    Nella sentenza, inoltre, i magistrati affermano che la figlia, ora maggiorenne, sentita nel corso del processo in cui la madre è stata condannata per maltrattamenti, ad eccezione di questo episodio, ha "giustificato la donna sullo schiaffo" dimostrando "un alto grado di maturità".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza