Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

'Cessate il fuoco', manifestazioni in tutto il Piemonte

'Cessate il fuoco', manifestazioni in tutto il Piemonte

Ieri da Cuneo a Domodossola tra slogan e bandiere

TORINO, 25 febbraio 2024, 12:06

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Manifestazioni in diverse località del Piemonte si sono viste ieri, 24 febbraio, in occasione della della Giornata internazionale per la pace in Palestina e Ucraina.
    A NOVARA oltre un centinaio di persone si sono raccolte sotto la prefettura ripetendo più volte lo slogan 'cessate il fuoco'.
    In precedenza dopo una cerimonia nel duomo cittadino la comunità ucraina aveva manifestato in silenzio.
    Sono stati circa cinquecento a CUNEO i partecipanti a un corteo che si è snodato per le vie della città. Tra gli slogan più scanditi, oltre a 'Cessate il fuoco', c'è stato 'Palestina libera'. Tra i presenti il vescovo di Cuneo, Piero Delbosco, e vari esponenti politici.
    Ad ASTI i manifestanti sono scesi in piazza San Secondo con lenzuola macchiate di rosso, per indicare il sangue prodotto da ogni guerra.
    A IVREA un centinaio di dimostranti ha sfidato la pioggia e ha dato vita a un presidio sotto le finestre del municipio, dal cui balcone è stato esposto lo striscione di Emergency già comparso durante dello storico carnevale di Ivrea: "Mettete le arance nei vostri cannoni".
    Le bandiere della pace, di Israele, di Palestina e di Ucraina sono sventolate a DOMODOSSOLA nel corso di un corteo che ha toccato piazza Mercato, piazza Repubblica dell'Ossola, la stazione ferroviaria e l'istituto Rosmini, ed è stato replicato nuovamente nel pomeriggio.
    Ad ALESSANDRIA sono state circa un centinaio le firme raccolte al gazebo dell'associazione 'Schierarsi' per portare in Senato l'emendamento per il riconoscimento dello Stato di Palestina con capitale Gerusalemme Est. Era presente anche il fondatore di 'Schierarsi', l'ex M5S Alessandro Di Battista.
   
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza