Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Coesa, 'accelerare la transizione partendo da nuove norme'

Coesa, 'accelerare la transizione partendo da nuove norme'

Evento Esc - The next energy, promosso a Torino

TORINO, 26 febbraio 2024, 15:04

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Se l'Italia sfruttasse gli oltre 300 kmq di coperture su stabilimenti e capannoni industriali per installare impianti fotovoltaici libererebbe un potenziale di investimento tra i 30 e i 36 miliardi di euro. Quanto basta per aggiungere altri 30 Gw alla produzione di energia elettrica nazionale da fonti rinnovabili e coprire così il 60% del target totale di 50 Gw, secondo la traiettoria tracciata dal pacchetto Fit-for-55, elaborato dalla Commissione Europea per ridurre le emissioni nette di gas a effetto serra dell'Ue del 55% entro il 2030.
    Sono alcuni dei dati emersi nell'evento Esc - The Next Energy, promosso da Coesa, che ha messo intorno a un tavolo rappresentanti della politica e dell'industria per una riflessione sulla transizione energetica.
    "Le imprese hanno dimostrato di essere pronte alla sfida della transizione energetica, ma è importante parlare in termini di infrastrutture e non di prodotti o materie prime" spiega Federico Sandrone, amministratore delegato di Coesa e coordinatore della filiera Energy and Sustainable Mobility dell'Unione Industriali Torino. "È prioritario cambiare l'ottica con cui vengono pensati i meccanismi di incentivazione, ragionando su uno scenario europeo. Non possiamo considerare solamente i costi di produzione dell'energia, ma decidere in ottica strategica quanto siamo disposti a spendere per spostare nel nostro continente una parte della filiera delle rinnovabili.
    Non dobbiamo commettere l'errore fatto con la soppressione improvvisa del conto energia nei primi anni duemila, che soffocò sul nascere la filiera italiana del fotovoltaico".
    In una nota il ministro dell'Ambiente e della Sicurezza energetica Gilberto Pichetto sottolinea l'importanza di "indicare percorsi realistici per il raggiungimento degli obiettivi a lungo termine dell'Accordo di Parigi. Siamo consapevoli di quanto sia importante considerare fondamentale ogni interlocutore che lavora in questo comparto con modalità innovative e che tiene conto delle imprese coinvolte nella filiera" ha detto il ministro.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza