Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Nell'Isola Geppy Gleijeses e il teatro di Eduardo De Filippo

Nell'Isola Geppy Gleijeses e il teatro di Eduardo De Filippo

Intrecci tra vita e arte, Uomo e Galantuomo a Cagliari e Sassari

CAGLIARI, 14 dicembre 2023, 11:40

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Una commedia brillante per sorridere delle umane debolezze. "Uomo e Galantuomo", la prima commedia scritta da Eduardo De Filippo, in scena sino al 17 dicembre al Teatro Massimo di Cagliari e lunedì 18 al Comunale di Sassari per La Grande Prosa del Cedac, narra l'arrivo di una compagnia di guitti in una località balneare.
    Un gioco metateatrale dove arte e vita si intrecciano per la pièce interpretata da Geppy Gleijeses con Patrizia Spinosi e Ciro Capano accanto a Roberta Lucca, Gregorio Maria De Paola, Irene Grasso e Riccardo Feola, Salvatore Felaco e Demi Licata con la partecipazione di Ernesto Mahieux, per la regia di Armando Pugliese, produzione Gitiesse Artisti Riuniti e Teatro della Toscana.
    "La tradizione non è il culto delle ceneri, ma la custodia del fuoco: Eduardo è stato il mio maestro, mettere in scena le sue opere per me, che ho ricevuto direttamente il suo permesso, in un certo senso è più semplice. L'importante è ricordarsi che non si deve mai copiare, perché l'originale non è raggiungibile, ma cercare una via nuova", racconta all'ANSA Gleijeses.
    L'attore partenopeo veste i panni di Gennaro De Sia, capocomico di una scalcagnata compagnia, che ha una relazione con la primadonna Viola, vistosamente incinta: mentre gli artisti si accingono a provare "Mala Nova" di Libero Bovio, con effetti esilaranti come nella famosa scena del suggeritore, si scopre che anche il loro ospite, don Alberto De Stefano, ha una liaison con la misteriosa Bice. Sopraggiunge Salvatore, fratello di Viola, deciso a salvare l' onore della sorella e nascono una serie di equivoci, finché si rivela che Bice è in realtà la moglie del conte Carlo Tolentano: la farsa potrebbe finire in tragedia, ma per sfuggire al carcere o a un duello e evitare lo scandalo "basta" fingere la pazzia. Gleijeses, premiato come miglior attore europeo dall'Accademia Medicea per "Filumena Marturano" con regia di Liliana Cavani, ripercorre la sua carriera: "ho esordito nel 1974 in "Il figlio di Pulcinella" di Eduardo, poi ho fatto "Chi è cchiù felice e' me" e "Gennariniello", ed è arrivato il successo di "Amore e commedia" insieme a Marco Mete. Ho fondato compagnie e diretto teatri, e non ho mai smesso di recitare, portando in scena i classici e gli autori italiani del Novecento, e il pubblico ancora mi segue. Sono stato fortunato".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza