Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Nuovo corso per il ristorante Calamosca, affascinò l'Aga Khan

Nuovo corso per il ristorante Calamosca, affascinò l'Aga Khan

Gli eredi di Vittorio Porcu scommettono su staff giovanissimo

CAGLIARI, 08 febbraio 2024, 14:19

di Maria Grazia Marilotti

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Cagliari, 1952: il marinaio Vittorio Porcu, dá vita a una terrazza affacciata sulla baia di Calamosca. Pochi tavoli, cucina di pesce e una vista invidiabile. Poi, sotto la gestione dei figli Nicola e Antonio Maria nascono il ristorante, un albergo, un bar. Punto di riferimento della Cagliari di un tempo, tappa del dopo partita del glorioso Cagliari dello scudetto di Gigi Riva, un decennio prima aveva ospitato personaggi del jet set e perfino l'Aga Khan, affascinato da tanto scenario da sogno.

Settantadue anni dopo il ristorante Calamosca si affaccia ancora sul Golfo di Cagliari, con tutto il suo incanto. Di giorno la luce del mattino, la sera il chiaro di luna e il faro che illuminano lo specchio d'acqua. Dall'insegna è scomparsa la voce pizzeria, "per dare una direzione più identitaria e contemporanea, in una continuità tra ieri e oggi", spiega Matteo Porcu, figlio di Nicola, con la sorella Alessandra e il fratello Massimiliano proprietario e gestore. Nel menu predomina il fresco di mare valorizzato in efficaci accostamenti. Portate ben impiattate, da gustare col mare a metro zero e dove l'armonia di sapori è la cifra creativa del cuoco, Michele Ferrara.

E' giovanissimo lo staff del nuovo Calamosca e ben motivato. "Restano i piatti storici come il Polpo per Silvana, servito con la tipica salsa scabecciu o il primo piatto di casa La Calamosca 1952, ma noi - precisa Matteo - lo arricchiamo di volta in volta con nuove proposte frutto delle esperienze in Italia e all'estero del cuoco". Da assaggiare Muggine e Basòlu, lo spaghettone artigianale Cozze, funghi e pecorino, il dolce Già lo finisci e le portate di benvenuto, oltre agli antipasti che variano di stagione in stagione.

"Nostro padre era un cercatore di tesori, da ispettore onorario per l'archeologia sottomarina ha effettuato numerose scoperte sul popolo nuragico tra cui il ritrovamento del porto sommerso di Melqart a Teulada - racconta all'ANSA Matteo - Ci ha trasmesso l'amore per la Sardegna che definiva 'il giardino degli dei' e per la natura". Eredità da cui è nata la Fondazione Calamosca, impegnata nella tutela dell'ambiente, la salvaguardia e il decoro della Baia del Faro. Sostenibilità è la parola chiave anche in cucina con iniziative anti spreco alimentare. Dopo il caffè, il sentiero che conduce da un lato a Cala Fighera e dall'altro verso il promontorio della Sella del Diavolo, invita a una passeggiata per godere dei colori del mare a strapiombo. 
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza