Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Cioffi, col Cagliari non deve finire con pugno di mosche

Cioffi, col Cagliari non deve finire con pugno di mosche

Tecnico Udinese, battere solo le grandi non ha una spiegazione"

UDINE, 17 febbraio 2024, 16:30

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"Dopo la vittoria sulla Juventus, siamo positivi ed euforici, come ci ha definito Ranieri. Ma anche umili. Abbiamo fatto qualcosa di straordinario, ma è niente se usciamo con un pugno di mosche dopo la partita di domani. Vincere è un'abitudine e dobbiamo imparare a farlo, domani sarà importante uscire con punti, che sia uno o tre.
    Dipenderà dall'atteggiamento dei ragazzi ma sono sicuro che avranno il piglio giusto". Lo ha affermato Gabriele Cioffi alla vigilia della sfida salvezza casalinga tra la sua Udinese e il Cagliari.
    "Sicuramente dobbiamo migliorare la fase di possesso - ha aggiunto - con il Cagliari lo avremo, ma penso si sia visto molto anche contro il Monza, dove abbiamo fatto noi il gioco. Il battere le grandi e non le piccole non ha una spiegazione: i dati dicono che siamo la squadra con meno possesso, ma tutte le partite hanno avuto letture diverse, pur con un atteggiamento simile". Quanto all'infermeria, capitan Pereyra non recupera, ma c'è abbondanza sulle fasce con Ferreira, Ehizibue ed Ebosele a contendersi una maglia sulla destra e Zemura favorito su Kamara a sinistra. Per l'attacco, "Davis 15 o 20 minuti potrebbe averli nelle gambe - prevede Cioffi - Per Deulofeu e Bijol invece sono tempi un po' più lunghi, non certo un paio di settimane".
    Parole al miele per Giannetti - "è stata una scintilla, ha tanta esperienza, ti dà consapevolezza" - e soprattutto per Samardzic: "Con la Juventus ha fatto la sua miglior partita in fase difensiva ma credo che abbia toppato solo contro l'Inter, nelle altre si è applicato molto con grande sacrificio. Con la Juventus ha avuto una resilienza mentale altissima, che per un giocatore con il suo talento è inaspettata, ma so che lui lo può fare e deve dimostrare di continuare a farlo. Il Samardzic però visto da fine mercato ha avuto un atteggiamento encomiabile, è importante ma come è importante Payero, che sta trovando meno spazio, e pure Zarraga, che sta giocando pochissimo ma che in allenamento è un martello".
    Passaggio finale su Thauvin: "Da metà ottobre è sempre stato un riferimento per me e per la squadra, so che con me dal primo giorno è andato forte, ha sempre aspettato il suo momento, ora non fatico a dire che è uno dei nostri leader silenti, un trascinatore di gioco e di calcio".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza