Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Soru, esposto al Garante per violazione della par condicio

Soru, esposto al Garante per violazione della par condicio

'Iniziative Coalizione sarda scomparse da giornali e tv'

CAGLIARI, 20 febbraio 2024, 19:04

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

La Coalizione sarda, che sostiene il candidato alla presidenza della Regione Sardegna Renato Soru, ha depositato un esposto al Corecom regionale e all'Autorità nazionale Garante delle comunicazioni "per la palese violazione della par condicio e delle pari opportunità da assicurare a tutti i candidati".
    "Ci stanno togliendo la voce - è detto in una nota - da giorni le iniziative e le proposte della Coalizione sarda e del suo candidato presidente sono scomparsi dalle pagine dei giornali e dai servizi delle televisioni sarde. I media della Sardegna, complice anche l'invasione quotidiana dei leader nazionali, hanno deciso chi siano i candidati sui quali le cittadine e i cittadini della Sardegna meritano di essere informati. I loro spazi sono raddoppiati o addirittura triplicati gli spazi grazie ai segretari nazionali o ai ministri in carica, con punte di piaggeria che sarebbero imbarazzanti anche per organi di partito. È una grossolana violazione del pluralismo e una violenta intromissione nella campagna elettorale per le elezioni regionali. È una condotta che fa a pezzi le norme deontologiche del giornalismo. La stampa dovrebbe essere super partes e assicurare spazio e visibilità a tutte le proposte politiche in campo. Invece, oggi più che mai, è diventata agente attivo della propaganda elettorale e della narrazione dei candidati degli schieramenti nazionali. Se gli organi di informazione in mano a privati sono tenuti a rispettare almeno i principi base del pluralismo, è scandaloso quanto messo in atto dal telegiornale regionale del servizio pubblico, finanziato coi soldi dei cittadini. Negli ultimi dieci giorni lo spazio assicurato a Renato Soru e alla coalizione è stato praticamente nullo.
    L'informazione è un bene primario della democrazia. Però avere un ruolo pubblico comporta responsabilità e non consente di agire in modo arbitrario e manipolatorio. Le cittadine e i cittadini devono ricevere tutte le informazioni per formarsi un'opinione su quello che succede intorno a loro, a maggior ragione quando vengono chiamati a esprimere le loro idee con un voto".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza