Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

'Così ho allenato Messi, il cane star di Anatomia di una caduta'

'Così ho allenato Messi, il cane star di Anatomia di una caduta'

L'addestratrice Martin Contini in tour pre Oscar a Los Angeles

LOS ANGELES, 21 febbraio 2024, 16:43

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Tra gli attori diretti da Justine Triet in Anatomia di una caduta c'è anche Messi, un border collie di sette anni, dal pelo bianco e nero e gli occhi color ghiaccio. Nel dramma francese vincitore a Cannes e candidato agli Oscar tra i 10 migliori film dell'anno, interpreta Scoop, il cane guida del bambino protagonista, rimasto quasi cieco dopo un incidente.
    Arrivato la settimana scorsa da Parigi a Los Angeles, Messi ha strappato ammirazione, coccole e selfie a mezza Hollywood. Al pranzo dei nominati, ha concesso leccate e fotografie a Billie Eilish, America Ferrera e Bradley Cooper. Ryan Gosling si è spaventato quando si è gettato a terra fingendosi morto, come fa in una scena straziante del film.
    "Ci sono voluti due mesi di allenamenti quotidiani per insegnargli a lasciarsi andare a peso morto, gli occhi all'indietro e la lingua fuori", ha spiegato la sua addestratrice e proprietaria Laura Martin Contini, durante la conferenza stampa organizzata dalla casa di distribuzione Neon.
    "Messi è un artista incompreso. Abbiamo partecipato a decine di provini, ma è stato sempre scartato all'ultima selezione.
    Anatomia di una caduta è la sua prima grande occasione. E non l'ha sprecata!", ha detto allungando un biscottino al cane-attore sdraiato ai suoi piedi.
    Triet, nominata come miglior regista (unica donna, vista l'esclusione di Greta Gerwig), ha sempre voluto che Scoop fosse "un personaggio a tutto tondo, non un animale che corre in giro senza senso". "Preparare un cane per la telecamera è un lavoro lento, che richiede pazienza e fiducia. Qualunque cosa si muova sul set, lui deve rimanere concentrato sull'allenatore", secondo Martin Contini, che ha spiegato di aver adottato il border collie da un vicino di casa e di "aver scelto il più bruttino della cucciolata, ma c'era qualcosa in lui… era un 'chien de cinema', un cane da film". Sono stati poi i suoi due figli patiti di calcio a dargli il nome del campione argentino.
   
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza