Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Berlinale, a 'My Favourite Cake' il premio delle Chiese

Berlinale, a 'My Favourite Cake' il premio delle Chiese

La coppia di registi è stata bloccata a Teheran dalle autorità

BERLINO, 24 febbraio 2024, 14:23

Redazione ANSA

ANSACheck

Maryam Moghadam e Behtash Sanaeeha - RIPRODUZIONE RISERVATA

Maryam Moghadam e Behtash Sanaeeha -     RIPRODUZIONE RISERVATA
Maryam Moghadam e Behtash Sanaeeha - RIPRODUZIONE RISERVATA

Il film iraniano "My Favourite Cake" della coppia di registi Maryam Moghaddam e Behtash Sanaeeha, cui le autorità di Teheran hanno confiscato il passaporto e non sono quindi potuti andare a Berlino, ha ricevuto il premio di una delle "giurie indipendenti" della Berlinale, quella "ecumenica" delle Chiese protestante e cattolica tedesche.

L'annuncio è stato fatto a Berlino in una cerimonia di consegna dei riconoscimenti che, nel caso di "Keyke mahboobe man" (titolo originale del film), è stato ritirato da due attori.

A 'My Favourite Cake' è andato anche il premio della Fipresci, la Federazione internazionale della stampa cinematografica. Lo annuncia un comunicato della Berlinale che integra l'annuncio fatto alla cerimonia dei premi delle giurie indipendenti senza precisare motivazioni.

Lily Farhadpour, un'attrice del film, nel ritirare il premio "Ecumenico" delle Chiese, ha detto che i registi Maryam Moghaddam e Behtash Sanaeeha "sono dispiaciuti di non poter essere qui con voi oggi" ma il premio "significa molto per loro". Accanto a lei è comparso un altro attore-simbolo del film, Esmail Mehrabi. Nella motivazione del premio delle Chiese, come letto dal palco della cerimonia, si afferma che i due registi "ci mostrano come il paradiso possa essere creato nel proprio giardino. Occorre ridere, bere, ballare e, naturalmente, mangiare una torta. E serve anche una forte dose di resistenza e di coraggio per andare oltre gli schemi della vita sociale e politica che creano confini".

Teddy Award a Peaches, un 'genio queer'

Un documentario sulla cantante electroclash e punk canadese Merrill Nisker, in arte "Peaches", è stato premiato ieri sera con un "Teddy Award" alla Berlinale. Lo annuncia il sito del premio che viene assegnato in occasione del Festival del cinema di Berlino da 38 anni ed è considerato il più antico riconoscimento cinematografico per film e persone "che comunicano temi di diversità sociale e contribuiscono a una maggiore tolleranza, accettazione, solidarietà e uguaglianza nella società", come ricorda l'agenzia Dpa.

Il film "Teaches of Peaches" di Judy Landkammer e Philipp Fussenegger utilizza materiale d'archivio privato e filmati del "The Teaches of Peaches Anniversary Tour" per mostrare la trasformazione dell'ormai 57enne in un'artista di fama internazionale. Secondo la giuria, è tempo che la cultura contemporanea "riconosca un genio queer" (non-etichettabile sessualmente). Come miglior film la giuria ha premiato "All Shall Be Well" di un regista di Hong Kong, Ray Yeung. La produzione descrive i conflitti familiari e i crescenti problemi di accettazione dopo la morte della compagna di una coppia di lesbiche anziane.

Il Teddy per il miglior cortometraggio invece è andato a "Grandmamauntsistercat" di Zuza Banasinska, regista polacca che racconta la storia di una famiglia matriarcale.

Il Teddy della giuria è stato assegnato all'ensemble del film "Crossing" del regista svedese Levan Akin. "Ogni personaggio di questo ensemble, sia esso principale o secondario, è trattato con incredibile profondità, senza assecondare idee preconcette e stereotipi cinematografici", ha dichiarato la giuria. Un premio speciale Teddy è stato assegnato anche al regista berlinese Lothar Lambert che, sin dagli anni '70, è stato "più vicino alle persone che non rientrano in alcun schema sociale".

 

Tre premi delle giurie indipendenti per 'Sex'

Il film norvegese di tema omosessuale "Sex" di Dag Johan Haugerud, presentato nella sezione "Panorama" della Berlinale, ha ricevuto tre premi delle "Giurie indipendenti" del 74/o festival cinematografico di Berlino: quello "ecumenico" delle Chiese evangelica e cattolica; il "Cicae", dei cinema d'essai; e il riconoscimento "Label Europa Cinemas". E' quanto emerge da un comunicato della Berlinale che integra annunci fatti in una cerimonia svoltasi nella capitale tedesca.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza