Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Kasia Smutniak, mio esordio alla regia è atto d'insubordinazione

Kasia Smutniak, mio esordio alla regia è atto d'insubordinazione

Nastro d'argento per Mur, farà un altro film

ROMA, 27 febbraio 2024, 16:51

Redazione ANSA

ANSACheck

Leonardo Puccini, courtesy SNGCI - RIPRODUZIONE RISERVATA

Leonardo Puccini, courtesy SNGCI -     RIPRODUZIONE RISERVATA
Leonardo Puccini, courtesy SNGCI - RIPRODUZIONE RISERVATA

"Un atto di insubordinazione che è stato riconosciuto come opera d'arte. Non volevo passare dall'altra parte della macchina da presa ma mi sono ritrovata che volevo fare qualcosa a tutti i costi": è così che con Mur, il film documentario che racconta la situazione di confine tra Polonia e Bielorussia con il rimpallo dei rifugiati, Kasia Smutniak ha realizzato un esordio alla regia davvero notevole.
    Il film, presentato in anteprima alla Festa di Roma 2023, è stato premiato con il Nastro d'argento per il cinema del reale.
    "Quello che accadeva al confine ha cambiato la mia vita, le mie priorità da attrice: racconto storie da 20 anni, sono il mio sudore e il mio sangue, ma la storia che mi circondava era tanto più interessante" ha proseguito l'attrice nata in Polonia proprio in una zona di confine. "Non sono un'attivista politica ma qualcosa dovevo fare. E mi sono decisa: ho chiamato la mia agente e detto che mi ritiravo e avviato un viaggio in quelle zone, dicendo alla coautrice Marella Bombini, alla coproduttrice - con il marito di Smutniak Domenico Procacci di Fandango, ndr - Laura Paolucci che saremmo andate in una zona pericolosa, militarizzata e forse saremmo state arrestate. E sono venute con me". Mur, una produzione
Fandango in associazione con Luce Cinecittà, è ancora totalizzante per la vita di Smutniak che lo sta accompagnando in vari festival e anche in Polonia. Con questa esperienza si va avanti, e prepara un altro film, non ancora annunciato.
    La cerimonia dei Nastri a Roma è stato un momento, un po' come sempre accade nelle premiazioni, per ringraziare le persone. Davanti al figlio Leone (il secondogenito dopo Sophie avuta con Pietro Taricone) si è rivolta a "Dom" Procacci: "Non solo non mi hai fermato quando ho deciso di fare questo, ma hai capito che dovevo seguire questa voce e mi sei stato vicino e ti vorrei ringraziare qui davanti a tutte le persone una volta tanto".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza