Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Trieste è un'isola in giallo per un napoletano

Trieste è un'isola in giallo per un napoletano

Francesco De Filippo e le prime indagini di Vincenzo Tagliente

ROMA, 02 marzo 2024, 12:02

Redazione ANSA

ANSACheck
-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA

(di Elisabetta Stefanelli) FRANCESCO DE FILIPPO, 'TRIESTE È UN'ISOLA. LE PRIME E INVOLONTARIE INDAGINI DI VINCENZO TAGLIENTE' (Castelvecchi, pag. 169, Euro 17,50).
    ''Trieste? Trieste è un'isola. No, non nel senso che sta 'mmiez' 'o mare, irraggiungibile per terra, che per arrivarci devi fare un viaggio in nave o in aliscafo o, se hai le possibilità e non soffri il mal di mare, in barca a vela o motoscafo. No, in un altro senso, tanto è vero che a Trieste ci puoi arrivare tranquillamente co' 'o treno, che viaggia in un corridoio italiano tra terre straniere e 'o mare. Nu paesaggio bello, mi arricorda 'a costiera amalfitana. Ma quella è magica, chesta è bella. Allora, qual è il senso? Voglio dire cioè che i triestini hanno degli isolani lo spirito: chella immagine sempre presente nel cervello e dint' 'o core di essere unici e soli. E affiatati, obbligatoriamente affratellati, perché tutti ugualmente circondati ed esposti''. Ed è proprio in quest'isola, dove il tempo si è fermato e le abitudini la fanno da padrona, poco Italia poco Austria, mondo a parte, capita lui ''Tagliente Vincenzo, di fu Antonio e di fu Quagliariello Giuseppa, di Casavatore (bella chiavica), Napoli, 43 anni, ex agente sotto copertura, poi messo in disparte per una vicenda poco chiara che mo non mi va di spiegarvi''. È la sua voce dal forte accento napoletano, dalla sonorità catilenante, che guida il lettore per ''Trieste'' nuovo romanzo di Francesco De Filippo per Castelvecchi e sembra inaugurare una saga che ci speriamo continui. Un uomo misterioso che vuole la pasta così al dente da essere considerata cruda, per una spy story, un giallo, in un mondo consumato, sospeso tra passato e presente. Sarà una curiosa gita a Padriciano - meta obbligata per il viaggio della memoria legato al dramma dell'Esodo giuliano-dalmata - a dare una svolta alla sua noiosa vita sotto copertura, nella routine impiegatizia in cui passa le sue giornate in un anonimo ufficio postale. Lì nel campo si imbatte nell'enigmatica Anna Costorici, una signora che parla un misto di quattro o cinque lingue ma non l'italiano - almeno così sembrerebbe - con cui decide di passare furtivamente la notte come fossero madre e figlio. Ma è solo l'inizio di una storia molto complessa, che attraversa nodi della nostra vita nazionale, questioni che ancora non sono risolte in quella terra di confine in cui si trova Trieste ma anche semplice storia di violenza e soprusi. E che tra migranti di ieri e di oggi, arriva fino a sconfinare negli Stati Uniti, ''...nello Stato che professava la libertà, che si faceva paladino della libertà e della democrazia''. Ma non è sempre è così.
    De Filippo racconta tutto questo con maestria mettendo insieme un mosaico che vede non soltanto una straordinaria ricchezza linguistica ma anche una sorta di fusione e compenetrazione di piani e stili narrativi. È come se le forme della scrittura trovassero tutte insieme un nido, e in questo è calzante la metafora dell'isola che l'autore cita spesso.
   
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza