Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Fulvio Abbate, adesso punto a entrare nella dozzina dello Strega

Fulvio Abbate, adesso punto a entrare nella dozzina dello Strega

Scrittore dopo no ad autopromozione, proposto da Petrignani

ROMA, 22 febbraio 2024, 16:57

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Fulvio Abbate, dopo il no alla sua autocandidatura al Premio Strega 2024 da parte del Comitato di Gestione, entra fra le proposte di questa edizione segnalato dalla scrittrice Sandra Petrignani che fa parte della giuria degli Amici della Domenica, con il suo romanzo Lo Stemma (La nave di Teseo). "La passione letteraria di Fulvio Abbate è anche spesso passione civile. In questo Stemma che si presenta programmaticamente come una sorta di anti-Gattopardo, la scena è naturalmente la Sicilia, in particolare Palermo, l'epoca: i nostri giorni" dice nella motivazione Petrignani.
    "Quando è arrivato il no del Comitato, Sandra Petrignani mi ha scritto dicendomi 'ti presento io di corsa' e ha insistito molto. Inizialmente non ero molto convinto, ma dopo una settimana ho riflettuto e ho detto sì facciamolo. Il mio obiettivo adesso è la dozzina" dice all'ANSA lo scrittore. "Voglio vedere, posso anche immaginare, le facce di quelli che diranno: 'fino adesso lo abbiamo fatto divertire, ma la dozzina non può contemplare il suo romanzo. Voglio arrivare alla dozzina per amor proprio e nei confronti del mio lavoro e di questo libro in cui credo enormemente" spiega lo scrittore.
    "Fra l'altro - incalza - la discussione dello Strega non contempla mai la sostanza delle opere, ma sempre il potere o dei gruppi editoriali o di questo e quell'altro autore nel riuscire ad imporsi, mentre adesso quello che a me interessa è evidenziare la sostanza del mio romanzo che è un anti Gattopardo, che è un libro sulla mediocrità percepita come talento. Che mette in discussione tutta la retorica su questo immaginario siciliano aristocratico. Ancora adesso sulle ceneri di Lampedusa cresce un genere per l'appunto turistico-letterario. Mi riferisco alla narrativa che riguarda l'aristocrazia siciliana. Il personaggio femminile nelle mie intenzioni è una crudelissima parodia di una scrittrice siciliana che vive su quel tipo di feticci narrativi".
    Abbate dice anche: "ovviamente non cercherò voti e non farò telefonate. Il mio risultato lo ho già ottenuto, mi sono autocandidato sentendomi dire di no, nonostante il regolamento non dica esplicitamente che non ci si possa autocandidare. Il diritto, come spiegano i giuristi, è come la pelle del pene, estensibile. Dalle risposte che sto avendo mi sembra che su questa mia avventura ci sia abbastanza attenzione. Ho colto un certo entusiasmo anche da parte della casa editrice a cui non ho chiesto nulla".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza