Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Sestetto Stradivari e Bach, in scena gli archi di Santa Cecilia

Sestetto Stradivari e Bach, in scena gli archi di Santa Cecilia

Il 6 marzo a Roma all' Auditorioum Parco della Musica

ROMA, 05 marzo 2024, 15:20

Redazione ANSA

ANSACheck
-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA

Il Sestetto Stradivari, costituito da professori dell'Orchestra di Santa Cecilia, torna ospite della stagione da camera dell'Accademia Nazionale con una serata dedicata ai due Sestetti per archi di Johannes Brahms il 6 marzo alle 20:30 all' Auditorium Parco della Musica Ennio Morricone.
    Il Sestetto n. 1 op. 18 nacque tra il 1859 e il 1860 ad Amburgo e Bonn, e la "prima" ebbe luogo il 20 ottobre 1860 a Hannover ad opera del suo dedicatario, il celebre violinista Joseph Joachim, tra i migliori amici del compositore e anche primo interprete del Concerto per violino. Il n. 2 op. 36, nei classici quattro movimenti, fu completato alcuni anni dopo, nel 1865, e fece esclamare alla moglie di Schumann, Clara: "Davvero una gran cosa […]. Opera meravigliosa. I temi potrebbero perfino rubarteli…".
    Il prossimo appuntamento con la musica di Johannes Brahms è in programma il 13 marzo alle 20.30 con Barnabás Kelemen (violino), Nicolas Altstaedt (violoncello) e Alexander Lonquich (pianoforte) che eseguiranno i Trii opp. 8, 87 e 101. Il Sestetto Stradivari - formato oggi da David Romano e Ruggiero Sfregola violini; Raffaele Mallozzi e David Bursack viole; Diego Romano e Sara Gentile violoncelli - si è costituito nel 2001 in occasione dei concerti organizzati nell'ambito della Mostra Internazionale "L'arte del violino" tenutasi a Castel Sant'Angelo in Roma. L'affiatamento, la coesione e la passione profusa per l'impegno hanno fatto sì che quello che doveva essere un evento occasionale si sia trasformato in un progetto di più ampio respiro che ora vede la formazione impegnata in concerti per importanti istituzioni concertistiche nazionali e internazionali.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza