Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Porti: entro marzo liberato l'ex molo carboni Enel alla Spezia

Porti: entro marzo liberato l'ex molo carboni Enel alla Spezia

La nuova banchina andrà in concessione a Gnl Italia

LA SPEZIA, 22 febbraio 2024, 13:48

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Entro marzo l'Autorità di sistema portuale del Mar Ligure Orientale riavrà a disposizione l'ex molo Enel nel porto della Spezia, che operava a servizio della dismessa centrale a carbone. È la novità emersa durante un sopralluogo del presidente dell'autorità portuale Mauro Sommariva e del sindaco Pierluigi Peracchini nelle aree dove proseguono le opere di smantellamento iniziate a settembre scorso.
    "Contiamo di restituire tutta la banchina all'Autorità portuale entro febbraio, massimo marzo. L'area sarà invece sgombrata completamente entro la fine di agosto", prevede il responsabile dei lavori Luca Marena. Nelle scorse settimane sono state rimosse due torri alte circa 50 metri e del peso di 750 tonnellate l'una, che servivano per scaricare le navi carboniere per alimentare la centrale di Vallegrande spenta dal 2021.
    La nuova banchina andrà in concessione a Gnl Italia per il servizio di trasbordo di cisterne di gas naturale liquido dal rigassificatore di Panigaglia. "C'è ancora da concludere l'iter autorizzativo, ma lo vedo come un fatto positivo per il porto. - commenta Sommariva - Quando il gruppo Tarros avrà necessità di queste aree per il proprio sviluppo, Gnl sarà ricollocata come previsto dalla concessione".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza