Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Il Pg Militare, 'il nonnismo è un fenomeno ormai finito'

Il Pg Militare, 'il nonnismo è un fenomeno ormai finito'

De Paolis, 'la formazione utile per prevenire condotte illecite'

ROMA, 01 marzo 2024, 13:44

Redazione ANSA

ANSACheck
-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA

Il fenomeno del nonnismo "ha cessato ormai da tempo, fortunatamente, di interessare le nostre forze armate". È quanto si legge nella relazione del pg militare Marco De Paolis in occasione dell'inaugurazione dell'anno giudiziario.
    "Anche quest'anno non si segnalano dati significativi in alcuna delle Procure Militari. Questo fenomeno, assai diffuso negli anni Ottanta e Novanta nelle caserme italiane, ha cessato ormai di interessare le forze armate", aggiunge De Paolis. Inoltre, "il comportamento di molestia sessuale - ha aggiunto - che non sempre si esaurisce in un atto che si perfeziona istantaneamente, ma che invece spesso perdura nel tempo ripetendosi più volte finisce anche per turbare ed alterare i rapporti all'interno di un reparto e a incidere sulla corretta funzionalità dei servizi". Per questo allora per il magistrato c'è "la necessità non solo di sanzionare adeguatamente le condotte illecite, ma anche di prevenirle attraverso una efficace attività di formazione del personale militare, compresi i comandanti di corpo". Nel frattempo, ha informato ancora il procuratore generale, "il numero di appartenenti alle Forze Armate iscritti nel registro delle notizie di reato è leggermente aumentato. Nel 2022 sono stati 1749 e nel 2023 si è passati a 1830 militari iscritti. Rispetto al quinquennio, tuttavia, si registra un significativo aumento: dalle 1563 unità del 2018, alle 1830 nel 2023, con una percentuale in aumento pari al 17% rispetto, appunto al 2018".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza