Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Entra in vigore l'esenzione dal visto per il Kosovo

Entra in vigore l'esenzione dal visto per il Kosovo

Riforma intesa come nuova tappa verso il pieno riconoscimento

01 gennaio 2024, 18:12

Redazione ANSA

ANSACheck

© ANSA/EPA

(ANSA-AFP) - PRISTINA, 01 GEN - Il tanto atteso regime di liberalizzazione dei visti dell'Unione Europea, che consente ai cittadini del Kosovo di recarsi nella zona senza frontiere dell'Europa senza visto, è entrato in vigore lunedì e i primi viaggiatori lo hanno accolto come un grande sollievo. Il nuovo regime, entrato in vigore a mezzanotte (2300 GMT di domenica), consente ai kosovari di entrare nella zona Schengen senza passaporto e senza visto per un periodo massimo di 90 giorni su un periodo di 180 giorni. La riforma è percepita a Pristina come un altro passo verso il pieno riconoscimento e una spinta per l'ambizione del Paese che ha proclamato l'indipendenza nel 2008 di entrare nell'Unione Europea. "È un grande sollievo... è una bella sensazione", ha detto all'AFP l'uomo d'affari Rushit Sopi prima di imbarcarsi su un volo Pristina-Vienna. Era tra i 20 vincitori di un quiz organizzato dal governo nell'ambito di una campagna di sensibilizzazione sul programma. Il 48enne proprietario di un'azienda che produce porte e finestre si reca quasi regolarmente nell'UE per lavoro. "Ogni visto mi costava 300 euro (331 dollari). Quando ho cambiato l'ultima volta il mio passaporto, ho calcolato che solo i visti per l'UE mi sono costati 2.500 euro".
    Le ambasciate europee a Pristina, in particolare quelle esposte a forti pressioni per il rilascio dei visti, come il consolato tedesco, si erano preparate per il no visa D-Day.Lo stesso ambasciatore tedesco Jorn Rohde ha rilasciato gli ultimi visti ai kosovari pochi giorni fa, sottolineando che l'era dei visti si stava "finalmente chiudendo". Ha inoltre invitato i kosovari a visitare il suo Paese in occasione dei campionati europei di calcio di quest'estate.
    - Cittadini di seconda classe" - I kosovari hanno atteso il 1° gennaio con grande entusiasmo, percependolo come un "giorno storico" in cui il loro Paese si avvicina all'UE, come dimostrano i sondaggi locali.Ma hanno anche biasimato sia Bruxelles che Pristina per il lungo ritardo nell'abolizione del regime dei visti.Il Kosovo, 1,8 milioni di abitanti, è stato l'ultimo dei sei Paesi dei Balcani occidentali a ricevere l'esenzione."Finora l'Europa ci ha trattato come cittadini di seconda classe", ha dichiarato l'ingegnere Agim Gosalci, 61 anni."Anche i nostri politici sono responsabili di questa lunga attesa, perché una delle condizioni per la liberalizzazione dei visti era la lotta alla corruzione e alla criminalità organizzata", ha dichiarato la traduttrice Adelina Kasolli, 33 anni.Con salari medi di poco superiori ai 400 euro e una disoccupazione giovanile superiore al 20%, il Kosovo è tra i Paesi più poveri d'Europa.
    - Timori per l'emigrazione - Negli ultimi due mesi il governo di Pristina ha condotto una campagna per esortare i cittadini a non abusare della libertà di viaggio cercando lavoro nell'UE. Il primo ministro Albin Kurti ha guidato la campagna viaggiando in tutto il Paese per spiegare i vantaggi del nuovo regime."Questo giorno è importante. Si sta rimuovendo una grande ingiustizia e si sta conquistando un grande diritto", ha detto ai vincitori del quiz all'aeroporto di Pristina prima che prendessero il volo per Vienna.Il primo ministro ha esortato i kosovari "a rispettare i criteri e, ovunque viaggiamo, non dimentichiamo che la nostra casa è il Kosovo".Il suo vice responsabile dell'integrazione europea, Besnik Bislimi, ha messo in guardia dal possibile abuso del regime che potrebbe portare a misure restrittive dell'UE che "danneggerebbero l'intero Paese".Molti temono anche che questo regime possa portare a una maggiore carenza di forza lavoro.Secondo l'istituto Riinvest di Pristina, quest'anno circa il 18% dei dipendenti del settore privato lascerà il proprio lavoro e cercherà di emigrare.Anche l'attività di Sopi potrebbe risentirne, ma lunedì era più concentrato su Vienna, dove avrebbe portato sua moglie, che non si era mai recata in un Paese dell'UE. "La decisione (di revocare i visti) è più che benvenuta", ha dichiarato la moglie Valdete. "Abbiamo parenti in Germania e Svizzera ed era giunto il momento di far loro visita".
    ih/ljv/bp / (ANSA-AFP).
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza

ANSA Corporate

Se è una notizia,
è un’ANSA.

Raccogliamo, pubblichiamo e distribuiamo informazione giornalistica dal 1945 con sedi in Italia e nel mondo. Approfondisci i nostri servizi.