Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Mar Rosso, Spediporto "collegamenti con Cina indispensabili"

Mar Rosso, Spediporto "collegamenti con Cina indispensabili"

Botta, "per superare l'attuale situazione di difficoltà"

GENOVA, 06 febbraio 2024, 11:10

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

"La crisi del Mar Rosso può essere superata dall'industria italiana scegliendo le soluzioni più adatte secondo le diverse esigenze. Ma è indubbio che una di queste sia l'utilizzo del treno sfruttando, in particolare, della Western Rail cinese". Lo ha detto Giampaolo Botta, direttore generale Spediporto, nel corso del webinar sugli scenari commerciali Cina-Europa alla luce delle tensioni nella zona di Suez, organizzato da Aice, Italy China Council Foundation, Club Asia, Associazione Italia-Hong Kong e International Propeller Club. "Il nostro Paese non ha mai capito quanto potesse essere strategico sfruttare il treno per collegarsi con la Cina dove, secondo una recente indagine di Drewry, ben 217 città hanno un'altissima capacità ferroviaria di connessione con l'Asia ma anche con l'Europa, attualmente raggiunta in 25 destinazioni. Per dare qualche cifra, nel '23, sono partiti 16mila convogli che hanno trasportato, attraverso il Western Corridor, 1 milione e 700 mila contenitori, +19% rispetto al '22. I convogli, che raggiungono l'Europa in 16-18 giorni, si fermano, però, in Polonia e poi in Germania. Penso - ha aggiunto Botta - che sia stato un clamoroso errore strategico abbandonare la Via della Seta, plastica testimonianza di come, nel nostro Paese, manchi una visione a lungo raggio degli investimenti sulla logistica". "Bisogna fare delle scelte - ha detto Botta - fermo restando che, ovviamente, tutti ci auguriamo si arrivi a una tregua in Medio Oriente e che, comunque, la tensione nella zona cali. Ma andranno fatte comunque alcune valutazioni: l'aereo è il mezzo di trasporto adatto per alcuni tipi di merce, ha dei costi ma anche un grande vantaggio in termini di tempi. Il corridoio ferroviario Ovest dalla Cina vede prezzi in crescita ma che restano accettabili e simili al trasporto marittimo mentre il vantaggio è quello relativo ai tempi, un terzo rispetto a quelli che, in questo momento si registrano con il trasporto via nave".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza

ANSA Corporate

Se è una notizia,
è un’ANSA.

Raccogliamo, pubblichiamo e distribuiamo informazione giornalistica dal 1945 con sedi in Italia e nel mondo. Approfondisci i nostri servizi.