Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Il diritto dell'ambiente tra 'non regressione' e futuro

Il diritto dell'ambiente tra 'non regressione' e futuro

In un libro i punti di vista di giuristi ed esperti

ROMA, 21 novembre 2023, 10:41

Redazione ANSA

ANSACheck

© ANSA/EPA

© ANSA/EPA
© ANSA/EPA

Il principio "di non regressione" è considerato oggi il limite invalicabile del diritto ambientale ma è giusto guardare anche oltre puntando a strade che possano guardare ad un'evoluzione futura. Intorno a questo tema si sviluppa il dibattito di giuristi ed esperti raccolto in "Cinquant'anni dalla conferenza di Stoccolma. Un diritto internazionale dell'ambiente In regressione?" a cura di Andrea Crescenzi e Gianfranco Tamburelli che unisce analisi critiche e ragionati punti di vista su uno dei temi più attuali del momento: l'ambiente nella sua più ampia accezione.
    Il volume raccoglie i contributi resi al Convegno dell'8 aprile 2022, organizzato dall'Isgi (Cnr).
    Partendo tutti dallo stesso punto interrogativo, ragionamenti e conclusioni giungono a coerenti interpretazioni spaziando tra diritto internazionale, diritto regionale, applicazione interna, giurisprudenza e studi ad hoc portati avanti in diverse commissioni e comitati.
    Se "il principio di non regressione" , si spiega, è oggi il limite minimo per garantire la tutela ambientale, non va sottovalutato il suo corollario:" il principio di progressione".
    Esso, per sua natura, racchiude in sé una forte matrice evolutiva, un acume sottile e una profonda conoscenza del punto di partenza. Il libro, attraverso il filo logico e ragionato dei suoi autori, offre al lettore un trampolino di lancio per una visione coerente ed autentica del diritto dell'ambiente: la materia, oggi, più inerente al concetto di vita.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza