Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Marocco, al via il cantiere delle riforme voluto dal re

Parità di genere, equità, inclusione: è rivoluzione di velluto

RABAT, 17 ottobre 2023, 16:59

Redazione ANSA

ANSACheck

© ANSA/EPA

© ANSA/EPA
© ANSA/EPA

(di Olga Piscitelli)

Re Mohammed VI del Marocco vuole cambiare radicalmente la gestione della cosa pubblica. Un progetto di grande importanza, che con il discorso al Parlamento per l'avvio della XI legislatura, nei giorni scorsi, è diventato priorità assoluta del governo. Parità di genere ed equità sono i cardini di quella che potrebbe diventare una rivoluzione di velluto, alla base del più grande progetto di sviluppo economico e sociale del Paese. La revisione della Moudawana, il Codice della famiglia, è uno dei pilastri di questa riforma generale che include i diritti delle donne e l'uguaglianza di genere. Il Codice risale al 2004 e ora, 20 anni dopo la sua promulgazione, ha bisogno di un profondo restyling, per essere in linea con il Marocco moderno.

L'aggiornamento coinvolge numerosi ministri, il Consiglio superiore della Magistratura, il consiglio degli Ulema, che rappresenta la massima autorità religiosa, oltre che la società civile, ricercatori e specialisti. Nessuno escluso, in una gestione che il sovrano auspica "collettiva e collegiale", proprio per l'importanza dei temi. Ma le differenze di vedute sono abissali, con i conservatori che si schierano a favore dello status quo, mettendo in guardia contro l'occidentalizzazione della società e i progressisti che chiedono una vera revisione, senza sconti. Non basteranno di sicuro i sei mesi chiesti dal re. Ci sono in ballo tra l'altro l'inclusione delle donne nell'asse ereditario della famiglia, la penalizzazione della poligamia, l'eliminazione dei matrimoni dei minori, il riconoscimento della paternità e l'accettazione della convivenza. La riforma della Mudawana richiede di conseguenza una altrettanto profonda riforma del Codice penale. Il re vuole inoltre estendere la protezione sociale, per garantire a tutti i marocchini un equo accesso all'assistenza sanitaria, all'istruzione e ai benefici sociali. Come a dire che il Marocco si impegna a ridurre le disuguaglianze per costruire uno Stato sociale solido, dove ogni marocchino possa vivere con dignità e sicurezza finanziaria. Così re Mohammed VI punta a creare un clima di fiducia e stabilità, catalizzatori essenziali per lo sviluppo economico e il consolidamento della democrazia.

Diritti, lotta alla povertà e inclusione sociale hanno bisogno di "un meccanismo di monitoraggio e valutazione ad hoc, in modo che siano garantite le migliori condizioni per lo sviluppo e l'adeguamento continuo", ha detto il sovrano.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza

Ultima ora Mondo

Errore 404 - Pagina non trovata - ANSA.it Marocco, al via il cantiere delle riforme voluto dal re - Storie dal Mediterraneo - Ansa.it
404

Pagina non trovata

Le cause principali per cui viene visualizzata una pagina di errore 404 sono le seguenti:

  • un URL digitato erroneamente
  • un segnalibro obsoleto
  • un collegamento datato proveniente da un motore di ricerca
  • un link interno interrotto non rilevato dal webmaster.

Se riscontri il problema, ti invitiamo a contattarci per segnalarlo.

Grazie.