Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Il declino del francese in Algeria verso il punto di non ritorno

La lingua di Molière in calo soppratutto dopo l'Hirak del 2019

ALGERI, 06 novembre 2023, 13:09

Redazione ANSA

ANSACheck

L 'Istituto culturale francese ad Algeri - RIPRODUZIONE RISERVATA

L 'Istituto culturale francese ad Algeri -     RIPRODUZIONE RISERVATA
L 'Istituto culturale francese ad Algeri - RIPRODUZIONE RISERVATA
La lingua francese sta vivendo un notevole declino sulla scena ufficiale algerina, che si è accelerato soprattutto dopo il movimento popolare Hirak che nel 2019, con il sostegno delle forze armate, ha rovesciato l'ex presidente, il defunto Abdelaziz Bouteflika‏.‏ Come è noto, l'Algeria, ex colonia francese, è considerata uno dei maggiori Paesi al mondo ad utilizzare la lingua di Molière, dopo la Francia e la Repubblica Democratica del Congo, secondo un rapporto dell'Organizzazione internazionale della Francofonia‏.

L'insegnamento del francese è obbligatorio nelle scuole pubbliche algerine a partire dal quarto anno dell'elementare e si limita alle lezioni di lingua piuttosto che di cultura e valori francesi, mentre la letteratura francese viene insegnata solo agli studenti universitari che hanno scelto di specializzarsi in questa lingua.‏ Nel Paese esiste un solo liceo francese, Alexandre Dumas di Algeri, con annessi ad Orano e Annaba e una scuola elementare, che insegnano tutti secondo il programma ufficiale francese. Ci sono anche 5 centri culturali francesi sparsi nel Paese, ad Algeri, Orano e Tlemcen ad ovest e a Costantina e Annaba nell'est. In molti licei algerini si insegnano anche altre lingue straniere, come l'italiano, lo spagnolo e il tedesco.

Molte specializzazioni sono insegnate in francese anche nelle università pubbliche, come medicina, farmacia, dentistica, fisica, matematica, chimica e varie lauree in ingegneria e informatica, tra le altre.‏ Questa lingua è utilizzata anche nella comunicazione quotidiana tra molti cittadini, soprattutto nelle grandi città, nella regione della Cabilia e in alcune province costiere. E decine di giornali e siti web di informazione sono pubblicati in francese.

Nel corso dei decenni, gli algerini si sono abituati a leader e funzionari che si rivolgono a loro nella lingua Molière in occasioni ufficiali e non, anche se non è né un idioma nazionale né ufficiale. La Costituzione del Paese prevede che l'arabo sia la lingua nazionale e ufficiale del Paese. Nel 2016, Bouteflika ha portato avanti un emendamento costituzionale, approvato da entrambe le camere del Parlamento, che rendeva ufficiale la lingua amazigh, dopo che era diventata nazionale nel 2002.

Tuttavia, dopo il movimento popolare Hirak del 2019, e sotto la pressione dei social, è diventato raro che un funzionario algerino esca, soprattutto in occasioni ufficiali, e si rivolga agli algerini nella lingua di Molière.

Successivamente alle proteste, diversi dipartimenti ministeriali hanno vietato l'uso del francese nella corrispondenza e nelle attività ufficiali, come la cultura, la formazione professionale, i giovani e lo sport, il lavoro e l'occupazione, mentre il ministero della Difesa utilizza solo l'arabo e l'inglese.

Inoltre, nel settembre 2022, le autorità hanno adottato, per la prima volta nella storia del Paese nordafricano, l'insegnamento dell'inglese nelle scuole elementari a partire dal terzo anno.

Lo scorso settembre, il ministero dell'Istruzione ha emanato quelle che ha definito "ferme" istruzioni a circa 500 scuole private che insegnano il programma di studi francese senza autorizzazione e lo fanno indottrinando i valori e la cultura francese. Il dicastero ha richiesto ai direttori delle scuole interessate di impegnarsi a insegnare il programma ufficiale unificato in arabo.

Nella prima reazione ufficiale al caso, il 7 ottobre scorso, il ministro dell'Istruzione Abdelhakim Belabed ha dichiarato: "Ci rammarichiamo di questi errori di lettura. Non stiamo prendendo di mira una lingua o un Paese straniero, né un programma di studi straniero", aggiungendo che "l'insegnamento delle lingue straniere è obbligatorio dalla scuola primaria all'università, e non vediamo l'ora di insegnare altre lingue straniere".

Belabed ha spiegato che le istruzioni emanate dal dicastero riguardano l'applicazione della legge, che prevede "un insegnamento conforme al programma educativo nazionale compatibile con la cultura e i valori della società algerina".

Le misure adottate dal governo algerino non sono passate inosservate e hanno suscitato forti reazioni nei media transalpini, che ritengono che le autorità del Paese nordafricano stiano lavorando per "scacciare la lingua francese".

Nel suo contributo al Journal du Dimanche del 24 ottobre, l'ex ambasciatore di Parigi ad Algeri, Xavier Driencourt, si è chiesto se l'insegnamento della lingua francese abbia un futuro in Algeria. Il diplomatico in pensione ha affermato che le misure del presidente Abdelmadjid Tebboune contro la lingua francese hanno lo scopo di porre fine all'influenza francese in Algeria.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza

Ultima ora Mondo

Errore 404 - Pagina non trovata - ANSA.it Il declino del francese in Algeria verso il punto di non ritorno - Storie dal Mediterraneo - Ansa.it
404

Pagina non trovata

Le cause principali per cui viene visualizzata una pagina di errore 404 sono le seguenti:

  • un URL digitato erroneamente
  • un segnalibro obsoleto
  • un collegamento datato proveniente da un motore di ricerca
  • un link interno interrotto non rilevato dal webmaster.

Se riscontri il problema, ti invitiamo a contattarci per segnalarlo.

Grazie.