Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Occhiuto insedia Tavolo lavoro,'è ciò che manca in Calabria'

Occhiuto insedia Tavolo lavoro,'è ciò che manca in Calabria'

'Necessario per questo innovare la formazione professionale'

CATANZARO, 13 novembre 2023, 17:42

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"Dal lavoro bisogna ripartire e continuamente perché il lavoro è quello che manca in Calabria ed è anche la ragione di progressivo e costante impoverimento della nostra terra". Lo ha detto il presidente della Regione Roberto Occhiuto partecipando assieme all'assessore alle politiche del lavoro e formazione professionale Giovanni Calabria all'insediamento alla cittadella del Tavolo regionale per i servizi e le politiche del lavoro, presenti i rappresentanti dei sindacati calabresi e delle categorie datoriali.
    "La Calabria ha dati economici sempre negativi - ha aggiunto Occhiuto - perché perde costantemente quote di pil in ragione dei giovani e delle persone che abbandonano la regione perché qui non trovano lavoro. Sono molto contento che oggi si dia corso a quello che è stato stabilito in una delibera di qualche settimana fa e si renda strutturale il lavoro di questo tavolo che vede coinvolti tutti quelli che devono essere protagonisti, insieme alle istituzioni, per creare le condizioni affinché il lavoro possa essere possa essere garantito in Calabria secondo le regole che sono previste. Noi dobbiamo creare lavoro ma dobbiamo creare anche le condizioni affinché chi lavora possa lavorare con tutti i requisiti di sicurezza, di retribuzione dovuti in in un territorio che appartiene a un paese civile come l'Italia".
    Per Occhiuto, che ha messo in evidenza la necessità di 'innovare la formazione professionale, "tante sono le ricette da seguire. Noi stiamo cercando di attrarre e investitori nazionali e internazionali anche attorno agli asset della logistica come il porto di Gioia Tauro. Alcuni di loro sono venuti perché hanno sperimentato che la Calabria oggi rispetto al passato ha degli ecosistemi che permettono di insediare nuove attività economiche. Mi riferisco per esempio agli investimenti nella direzione delle nuove tecnologia quello che ha fatto Atos, a quello che sta facendo Nuovo Pignone sia a Vibo che a Corigliano.E' ancora poco, c'è ancora molto molto da fare e soprattutto c'è da affrontare il tema gigantesco che si è prodotto a causa della cancellazione nel reddito di cittadinanza". "In questo senso sono molto contento - ha detto ancora Occhiuto - che la giunta abbia condiviso una proposta mia dell'assessore Calabrese per generare in Calabria l'interesse di imprese nazionali e multinazionali. E' un'iniziativa, quella che abbiamo deliberato in giunta qualche settimana fa, che ha due pilastri: uno Costruisci Calabria con cui si mettono in campo risorse della programmazione europea ad aziende nazionali e multinazionali che vogliano formare gli ex percettori del reddito di cittadinanza ma anche disoccupati calabresi al fine di assumerli e l'altro pilastro invece è quello del lavoro in smartworking o coworking e che si prefigge di fornire risorse ad aziende di primaria importanza che vogliano formare questi lavoratori e farli lavorare dalla Calabria". "Si tratta di un modo - ha sostenuto il governatore calabrese - anche per innovare il sistema della formazione professionale perché noi, non solo qui ma nel paese, abbiamo una formazione professionale che purtroppo non forma adeguatamente i giovani e di conseguenza non sforna profili utili al mercato del lavoro. Vorrei, petanto, che questo tavolo servisse anche a ragionare sulle modalità per rendere i sistemi di formazione professionale più performanti"
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza