Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Skinification, hairification e layering le nuove parole del beauty

Skinification, hairification e layering le nuove parole del beauty

Tendenze, la stratificazione dei profumi e il pre-shampoo sui capelli sarà routine

14 marzo 2024, 09:54

di Alessandra Magliaro

ANSACheck

Una donna si lava i capelli foto iStock. - RIPRODUZIONE RISERVATA

C'è una modalità minimalista, essenziale, 'clean', e una modalità più complessa, articolata, fatta di passaggi molteplici e anche sovrapposizioni, stratificazioni. Accade per la cura della pelle del viso dove da una parte ci sono le linee essenziali e anche multitasking, con pochi prodotti 2 in 1, 3 in 1, sempre con molti attivi s'intende (ad esempio l'italiana adesso o Audrer di Giulia De Lellis) e dall'altra linee che prevedono in sequenza una doppia detersione, un tonico attivo, sieri mirati, creme idratanti, solari e altro, un trend quest'utlimo che si è imposto dall'Asia, la celebre K-Beauty con oltre 10 passaggi, piuttosto che dal Giappone (Shiseido e non solo) arrivando a orientare visto l'indubbio successo tanti brand (da Lancome a Biotherm, da La Roche Posay a Svr, da Caudalia, Patyka e altri). Questa seconda modalità, definita skinification sta dilagando oltre il viso: esigenze di un mercato sempre lanciato ma anche frutto dei dipartimenti ricerca dei marchi che nell'arena della concorrenza puntano sempre a novità che facciano la differenza.
Si assiste così ad una skinification del corpo, del make up, delle unghie e dei capelli.
Cosa significa skinification? Routine di bellezza con diversi step, mirati e personalizzati. Se oggi, per tantissime persone, è d'abitudine usare un tonico attivo dopo la detersione, un siero prima della crema idratante ad esempio, sempre più sarà d'abitudine fare un pre shampoo sui capelli.

Le novità per una nuova routine dei capelli, la 'hairification'

La skinificazione dei capelli, dunque 'hairification', significa elevare la routine dei capelli per nutrire e trattare le ciocche con ingredienti e prodotti mirati e personalizzati, usando spesso ingredienti attivi che abbiamo imparato a conoscere per il viso, a cominciare dall'acido ialuronico, fonte massima di idratazione (alcuni marchi skin come Aroma-Zone e The Ordinary li propongono a parte 'assoluti' da mescolare alle creme per potenziarle), niacinamide. Usa la glicina capace di ricollegare gli anelli rotti della catena di cheratina, riducendo drasticamente la rottura, la nuova linea di lusso di Kérastase , che ha appena annunciato la lanciatissima attrice americana di Euphoria, The White Lotus e di Tutti tranne te, Sydney Sweeney come nuova global ambassador. L'haircare brand ha lanciato la nuova gamma Première per combattere l'accumulo di calcio, presente nell'acqua, specie delle grandi città come Roma o Milano, che amplifica gli effetti dei danni sui capelli. Combina il potere decalcificante dell'acido citrico al 3% con l'aminoacido della glicina al 5%, una doppia azione di pulizia a fondo e riparazione per tutti i tipi di capelli danneggiati (da tinture, cloro, agenti esterni) e soprattutto dal calcare contenuto nell'acqua. La scoperta scientifica alla base ha dato vita ad una serie di nuovi prodotti che liberano i capelli dall’eccesso di calcio che porta alla rottura, riparandoli, invertendo i danni persistenti, promettendo di averli forti e sani. E' in pieno trend skinification visto che sono 5 prodotti (da personalizzare, alcuni però come il concentrè decalcificant ultra - reparateur con l'8% di acidi puri e la masque filler reparateur con Peptidi + Glicina).

Layering, stratificare è meglio

E poi c'è il layering, l'altra nuova parola che definisce le tendenze del beauty (ma si applica anche alla moda, Modern Layering è la filosofia a strati di capi basici del brand giapponese Uniqlo di cui è attesa a primavera 2024 l'apertura del secondo department store in Italia a Roma dopo quello di Milano).
La regola base è partire dalle formule più leggere e andare avanti con l'idratazione con texture più ricche: siero più crema, ad esempio riferendoci al viso, pre shampoo a capelli bagnati e shampoo: si intende uno strato sull'altro, senza risciacquare il primo ma massaggiando sulla cute con cura prima di applicare il secondo, con un effetto di potenziamento degli attivi. 
Per la skincare significa un protocollo di utilizzo in sequenza di più elementi per potenziare gli effetti e personalizzarli: dopo la detersione, che può essere anche doppia con prima uno struccante make up e poi un detergente, si passa sempre un tonico che riequilibra l'idratazione dopo la pulizia e non è detto che si finisca lì e si passi al siero. Nel concetto di layering ad esempio in tante linee cosmetiche ci sono delle acque un po' dense, quasi torbide ricche di vitamine, (Tonique comfort di Lancome, Fenty Skin) come ad esempio l'oleolito di rosa, miscela di oli essenziali di rosa multiflora, rosa canina e olio di mandorle dolci spremuti a freddo con alta concentrazione di acidi grassi essenziali di vitamina A e antiossidanti e S’ollu (mother Nature's Oil), idratante all’olio di oliva e olio di lentisco, entrambi prodotti naturali da piante che nascono in aree incontaminate della Sardegna: si usano in poche gocce, in sequenza dopo il tonico e prima di siero e crema.

Il layering di moda anche con i profumi

Il layering è di moda anche con  i profumi: a Piazza Duomo a Milano nello store Lush con il nuovo Perfume Library è frequente, specie tra le più giovani, l'acquisto di fragranze e body spray (non necessariamente della stessa famiglia di profumi), da sovrapporre secondo il proprio 'naso'. I più richiesti? Quelli in pieno trend gourmand, decisamente dolci, racconta in negozio Stefania, che evocano qualcosa di commestibile, come il sapore di pop corn al caramello nel body spray  Let the good times roll magari da stratificare con il profumo Vanillary (vaniglia e tonka) e Super Milk da mettere sui capelli per dare un profumo dolce e avvolgente.

Anche per la manicure il concetto di Skinification

Anche per la manicure vale lo stesso concetto di Skinification, che consiste nell’aggiunta di nutrienti ed elementi funzionali nella nailcare per una routine completa , per il massimo beneficio fisiologico ed estetico delle unghie, in linea con la crescente attenzione alla cura delle mani.
Tra i nuovi alleati la gamma di Rimmel London con tre nuove referenze della linea Nail Nurse, che combina formule clean & vegan, ingredienti delicati di origine naturale e performance.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza