Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

La nuova opera di Laika è un urlo femminista a Ciudad Juarez

La nuova opera di Laika è un urlo femminista a Ciudad Juarez

Vivas nos queremos nello stato in cui in 30 anni 2300 donne sono state uccise

ROMA, 23 novembre 2023, 14:29

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

A pochi giorni dall'omicidio di Giulia Cecchettin e in occasione della Giornata Internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne (25 novembre), la street artist Laika si è recata a Ciudad Juarez in Messico (nota per detenere il triste primato del più alto numero di femminicidi al mondo), per realizzare la nuova opera "Vivas nos queremos!", lo storico urlo femminista Vogliamo restare vive. Negli ultimi trent'anni, infatti, solo a Juarez, nello stato di Chihuahua, sono state assassinate oltre 2300 donne.
    L'opera dell'artista è un grido di dolore e di denuncia, ricco di dettagli e riferimenti politici: ritirae una militante femminista con il volto coperto e il pugno alzato in segno di lotta, circondata da rose e da una croce rosa, per ricordare Giulia Cecchettin e "tutte coloro che a casa non sono tornate". Sulla sua maglietta compare la celebre frase "Ni Una Mas" della poetessa Susana Chavez, divenuto sinonimo di lotta per le donne di tutto il mondo. Il braccio della donna, invece, è caratterizzato da tatuaggi che omaggiano l'organizzazione militante transfemminista italiana "Non Una di Meno" e la casa delle donne "Lucha y Siesta" di Roma, che in 15 anni ha ospitato oltre 1000 donne e che la Regione Lazio minaccia di sfrattare.    In alto a destra compare il grande simbolo dell'associazione "Nuestras Hijas de regreso a casa", fondata a Ciudad Juarez dalla maestra attivista Marisela Ortiz e da Norma Andrade, madre di Lilia Alejandra, scomparsa il 14 febbraio del 2001 e ritrovata morta in un terreno abbandonato una settimana dopo. In basso campeggia la scritta "Vivas nos queremos!".
    "Essere a Ciudad Juarez rappresenta per me una dichiarazione di guerra contro la violenza machista, una piaga di portata mondiale che deve essere estirpata", dichiara Laika.
    "Nel mio paese, una donna viene uccisa circa ogni tre giorni, mentre in Messico le donne uccise sono circa 11 al giorno; è inaccettabile! Il mio poster è un grido di lotta che esorta a combattere tutt* insieme, dall'Italia al Messico. A Juarez, lo Stato conosce i colpevoli, sa dove abitano, ma restano impuniti, alimentando così ulteriore violenza. Il femminicidio qui è strutturale, sistemico". Il poster è stato affisso in calle Ignacio Mejia, nel centro della città, nel cuore di uno dei principali centri operativi de "La Linea", unità armata del Cartel de Juarez, responsabile di numerosi rapimenti ed efferati femminicidi, a pochi passi da una delle tante "Casas de seguridad", luoghi di traffici illegali e violenza, dove spesso le donne scomparse vengono rinchiuse, violentate, torturate e poi uccise. A pochi passi dal luogo in cui ieri è stato trovato il corpo senza vita di una donna. "Il poster gliel'ho messo in casa loro, ai Narcos, mentre guardavano - prosegue la street artist - perché devono ricordarsi sempre quello che sono: criminali assassini e violentatori. Non sarei mai riuscita a fare questo blitz senza il coraggio e il sostegno delle militanti di Ciudad Juarez". Una seconda copia, infatti, è stata affissa presso il Museo Regional Valle de Juarez, a San Agustin (altro luogo con un altissimo tasso di criminalità e di femminicidio), in un blitz realizzato assieme a Marisela Ortiz, attivista femminista costretta a vivere in esilio negli USA per le sue battaglie, e Lluvia Rocha, attivista e coordinatrice del progetto "Rostros de feminicidio", un percorso di più di 150 murales che venivano realizzati ogni volta che una ragazza veniva rapita e uccisa. "Sono venuta qui, in questo luogo di morte, con tutti i rischi che comporta, per gridare al mondo: basta a questa strage, a questa violazione dei diritti umani, prodotto di un sistema patriarcale che non ha più ragione di esistere", conclude Laika. "Bisogna ripartire dall'educazione per sradicare la violenza di genere. È una battaglia urgente perché i numeri dei femminicidi sono in costante aumento. Ni una más, ni una menos". 
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza