Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Giornata disabilità, quando il cinema e l'arte diventano terapia

Giornata disabilità, quando il cinema e l'arte diventano terapia

Al Gemelli 'Amleto è mio fratello', tra gli attori 4 ragazzi disabili

ROMA, 01 dicembre 2023, 15:36

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

L'arte e il cinema come terapia complementare per le disabilità. Sarà proiettato martedì prossimo alle 16 presso il Policlinico Gemelli il film 'Amleto è mio fratello', del regista e sceneggiatore Francesco Giuffrè, figlio d'arte (suo padre e suo zio gli attori Carlo e Aldo Giuffrè), con gli attori Paolo Giliberti, Paolo Vaselli, Andrea De Dominicis, Carlo di Bartolomeo, ragazzi diversamente abili che da alcuni anni lavorano con il regista, cimentandosi in un laboratorio teatrale. La speciale proiezione, a ridosso dalla Giornata Internazionale per le Persone con Disabilità istituita dalle Nazioni Unite il 3 dicembre, nasce da una collaborazione di MediCinema con la Uoc di Genetica Medica della Fondazione Policlinico Gemelli Irccs, su iniziativa del professor Pietro Chiurazzi che, lavorando da anni con queste realtà e conoscendo i ragazzi, ha segnalato a MediCinema il particolare progetto.
    Il lungometraggio nasce dall'esigenza dello stesso Giuffré di portare la "bellezza" di questi ragazzi diversamente abili al di fuori della sala teatrale, nel mondo esterno, un omaggio sentito al teatro e al suo valore terapeutico. Nel cast, oltre ai quattro ragazzi, anche attori noti come Claudia Gerini, Vincenzo Salemme, Francesco Paolantoni, Margerita Buy e Nino Frassica.
    Giuffè lavora con il Teatro Patologico di Roma, intervenendo quotidianamente con persone con disabilità, e MediCinema nel lavoro di portare sollievo è lieta di offrire al suo pubblico, composto dai pazienti ricoverati al Policlinico Gemelli, un appuntamento di qualità e di riflessione, un'occasione per ribadire la valenza della visione filmica come strumento di cura e assistenza complementare alle terapie mediche.
    Medicinema Italia infatti, oltre all'abituale programmazione bisettimanale, che normalmente viene offerta in sala cinema, conduce interventi di cineterapia mirati al sostegno psico-fisico di pazienti affetti da specifiche patologie, per fornire loro un valido supporto nel recupero psicologico e per influire positivamente nel percorso di cure mediche. La 'cineterapia' è una nuova frontiera terapeutica complementare in grado di influire positivamente negli stati di ansia e stress dei degenti adulti e pediatrici, nel miglioramento globale dello stato psichico e fisico dei pazienti, nonché nel supporto per le cure riabilitative.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza