Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Bonaccini: 'Molto preoccupato, l'Italia ripiegata su se stessa'

Bonaccini: 'Molto preoccupato, l'Italia ripiegata su se stessa'

'Unica leva per far girare economia è quella degli investimenti'

BOLOGNA, 24 novembre 2023, 12:58

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"Francamente sono molto preoccupato, vedo un Paese ripiegato su se stesso, non vedo scelte all'orizzonte adeguate ai bisogni che ha l'Italia, primi tra tutti gli investimenti". Lo ha detto il presidente della Regione Emilia-Romagna e del Pd, Stefano Bonaccini, partecipando alla prima giornata degli Stati generali della Ripartenza organizzati dall'Osservatorio economico e sociale Riparte l'Italia a palazzo della Residenza a Bologna.

C'è "una stima di crescita che è stata dimezzata sia dal governo sia dai più importanti centri studi - aggiunge Bonaccini - da quello di Confindustria alle istituzioni europee, e che porterà il prossimo anno il Paese a crescere molto meno di quello che si pensava". A pesare sulla crescita e sulla ripresa sono anche la guerra in Ucraina, l'inflazione, la crescita dei costi delle materie prime e la stagnazione in Germania "che si trascina dietro le economie dei Paesi, come l'Italia, che sull'export hanno avuto una valvola di sfogo". "Non sono un'economista, ma mi hanno spiegato che quando c'è bassa crescita o stagnazione l'unica leva per far girare l'economia e far ripartire lavoro e impresa è quella degli investimenti", ha detto Bonaccini.

L'obiettivo dell'Osservatorio economico e sociale Riparte l'Italia e degli 'Gli Stati Generali della Ripartenza', ha sottolineato inaugurando la due giorni il presidente del Comitato d'indirizzo dell'Osservatorio, Luigi Balestra, "è creare un polo di aggregazione di una comunità che sappia dialogare superando quelle che alle volte sono delle visioni unilateralistiche e creare confronto perché ci si trova di fronte alla necessità di effettuare dei percorsi e delle scelte fondamentali per il progresso e lo sviluppo del Paese". "L'idea del dialogo è assolutamente da privilegiare rispetto agli obiettivi che l'Italia si deve prefiggere di realizzare nel breve, medio e lungo periodo", ha aggiunto.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza