Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Vannacci presenta il suo libro a Udine, sit-in di protesta

Vannacci presenta il suo libro a Udine, sit-in di protesta

'L'odio non è un diritto'. Generale: 'Preferivo il confronto'

UDINE, 27 novembre 2023, 19:39

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"L'odio non è un diritto": è la scritta apparsa sullo striscione dei manifestanti riunitisi stasera in un sit-in a Udine per contestare la presenza del generale Roberto Vannacci, giunto in città per presentare, in una sala del centro, il libro "Il mondo al contrario", scritto dall'ex comandante della Folgore per i tipi de Il Cerchio Edizioni.
    Invitato dal blogger Marco Belviso, l'autore è stato contestato con slogan e cartelli dai rappresentanti di vari partiti e associazioni, tra i quali Pd, M5s Udine, Open sinistra Fvg, Donne in nero, Rifondazione comunista, Cgil, Fvg Pride, Cellula Coscioni, gli studenti universitari dell'Udu, l'Anpi.
    "In un mondo martoriato da guerre, violazioni dei diritti umani e discriminazioni, ci chiediamo come si possa rivendicare il diritto a odiare", hanno detto i promotori del sit-in.
    Vannacci, che ha presentato il suo libro in una sala affollata con diverse persone rimaste fuori per motivi di capienza e con qualche lamentela nei confronti dell'organizzazione, ha replicato ai manifestanti: "Invece di protestare all'esterno e contestare il mio diritto a parlare, avrebbero potuto entrare e spiegare a me e ai tanti che la pensano come me i motivi del loro dissenso. Per fortuna siamo in un Paese democratico e ognuno può esprimersi liberamente".
    Dall'esterno, nella strada vigilata dalle forze dell'ordine, i manifestanti hanno ribadito che "non siamo qui per impedire la presentazione del libro, ma per rivendicare che non è possibile legittimare alcun tipo di discriminazione".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza