Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Pd, 'con Soru confronto su programmi e basta diffidenza su M5s'

Pd, 'con Soru confronto su programmi e basta diffidenza su M5s'

Segretario Dem Sardegna, 'serve il dialogo ma candidata è Todde'

CAGLIARI, 23 novembre 2023, 13:21

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"La nostra candidata è Alessandra Todde, l'abbiamo scelta attraverso un metodo democratico che è quello della politica". Nessun passo indietro, lo ribadisce il segretario del Pd sardo Piero Comandini all'indomani delle prove (fallite) di dialogo tra i due pezzi di coalizione del centrosinistra in vista delle regionali 2024. Comandini lo ha precisato durante la conferenza stampa di presentazione della festa dell'Unità a Cagliari alla quale parteciperà proprio Todde, ma anche la segretaria dem Elly Schlein che potrebbe provare a ricucire lo strappo con Renato Soru.
    La posizione resta quella dell'apertura a un confronto sui programmi: "Non c'è alcuna chiusura nei confronti di Renato Soru o di altri - specifica Comandini -, né per quanto riguarda la presenza alla festa dell'Unità né per altri momenti di confronto che si possono costruire in altre occasioni. Ma - aggiunge - il vero confronto deve essere sul programma, con Soru e altri si può aprire un confronto vero su una base programmatica - insiste -. Perché non possiamo fare regali alla destra, per quello che sta facendo in Sardegna e nel Paese, perché non ci sono soltanto le elezioni regionali, dobbiamo rispondere a questo anno di governo Meloni".
    Sull'alleanza con il M5s, che Soru continua a criticare sottolineando che "è destinata a perdere", il segretario ammette che "è stato il Pd il primo a essere diffidente nei confronti di un movimento che è nato come antipartitico - spiega - poi si è trasformato in questi anni in un partito vero e proprio, con Conte". Diffidenza che si sta superando con l'alleanza per le regionali: "L'alleanza ce la impone la situazione e il sistema elettorale attuale - chiarisce Comandini -, ma anche il fatto che i pentastellati sono una formazione politica alternativa alla destra, con loro abbiamo fatto cinque anni di opposizione alla Regione e perché rappresentano una fetta di elettorato importante". Per il segretario Dem "la diffidenza viene superata attraverso la responsabilità, il dialogo e soprattutto con la fase programmatica che in questo momento nella coalizione è guidata dal Pd. Altrimenti il centrodestra governerà per i prossimi anni".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza