Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Uccise suoceri, imputato 'mia moglie non si sentiva in pericolo"

Uccise suoceri, imputato 'mia moglie non si sentiva in pericolo"

Sassari,in Corte d'assise Baule rilascia dichiarazioni spontanee

SASSARI, 28 novembre 2023, 13:18

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"Mia moglie non si sentiva in pericolo, controllava la videosorveglianza perché voleva sapere cosa facevo io, cosa prendevo da casa". Sono le dichiarazioni spontanee rilasciate questa mattina in Corte d'assise a Sassari, da Fulvio Baule, il 41enne di Ploaghe a processo per aver ucciso a colpi d'ascia i suoceri, Basilio Saladdino e Liliana Mancusa, il 26 febbraio 2022, a Porto Torres, riducendo in fin di vita la moglie, Ilaria Saladdino, dal quale si era appena separato.
    L'imputato, assistito dall'avvocato difensore Nicola Lucchi, all'udienza durante la quale la Corte presieduta dal giudice Massimo Zaniboni, a latere Valentina Nuvoli, ha sentito le deposizioni di quattro testimoni, ha chiesto di poter intervenire.
    "L'impianto di videosorveglianza della casa è sempre stato in funzione; mia moglie controllava le telecamere non perché si sentisse in pericolo, ma per vedere cosa facevo io, cosa avevo portato via", ha precisato, spiegando che lui aveva portato via da casa i regali ricevuti dai bambini per il battesimo "perché mi ero accorto che lei avevo preso dei miei documenti per consegnarli al suo avvocato".
    Poco prima in aula erano comparsi i comandanti delle Stazioni dei carabinieri di Ploaghe, dove la coppia viveva con i due figli gemelli, e di Codrongianos, intevenuti la sera del 20 ottobre 2021 nell'abitazione dei Baule in seguito a una segnalazione della sorella di Ilaria Saladdino, preoccupata perché mentre parlava al telefono con la donna aveva sentito il marito urlare contro di lei.
    Sentite anche le testimonianze della dirigente dei Servizi sociali del Comune di Ploaghe, e il parroco del paese.
    Tutti hanno riferito che, nonostante le tensioni, non hanno ravvisato situazioni di pericolo imminente all'interno della famiglia.
    Il processo è stato aggiornato al 9 gennaio 2024 per le deposizioni degli ultimi testi della difesa.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza