Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Covip, nel 2022 attivo delle Casse private cala a 103,8 miliardi

Covip, nel 2022 attivo delle Casse private cala a 103,8 miliardi

Scende del 3,8% con andamento negativo mercati finanziari

ROMA, 26 ottobre 2023, 16:54

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Alla fine del 2022 l'attivo totale delle Casse di previdenza riportato a valori di mercato cala a 103,8 miliardi di euro con una riduzione di 4,1 miliardi rispetto all'anno precedente (-3,8%). Lo fa sapere la Covip, Commissione di vigilanza sui fondi pensione, spiegando che su tale flessione ha inciso, in primo luogo, l'andamento negativo registrato dai mercati finanziari nel corso di tale anno.
    Tensioni geopolitiche, tassi di inflazione elevati e persistenti, politiche monetarie divenute rapidamente restrittive si sono ripercossi sulle quotazioni delle attività finanziarie; ne sono scaturiti pesanti ribassi dei corsi dei titoli azionari così come quelli dei titoli obbligazionari per effetto del rialzo dei tassi di interesse nominali.
    Nelle 5 casse di maggiori dimensioni si concentra il 75,3 per cento dell'attivo totale, in crescita rispetto al 68,6 per cento del 2011 (a Enpam fa capo il 25,3 per cento del totale, seguono Cassa forense con il 17,2, Inarcassa con il 12,9, Cassa dottori commercialisti con l'11,5 ed Enasarco con l'8,4). Rispetto a una platea complessiva di 1,750 milioni di iscritti e 485.000 pensionati, nel 2022 il saldo per contributi incassati e prestazioni erogate ha totalizzato 3,9 miliardi di euro. A fronte di 12,1 miliardi (11,2 nel 2021) di contributi incassati, sono state erogate prestazioni per 8,2 miliardi (invariate rispetto al 2021). Tra le singole casse di previdenza, le prime 5 concentrano il 73,4 per cento del saldo tra contributi e prestazioni, pari a 2,8 miliardi di euro. Nel 2022 solo Enpaia (addetti e impiegati in agricoltura) registra un saldo marginalmente negativo. In tutti gli altri casi, la differenza è positiva e in rapporto all'attivo è pari in media al 4,8 per cento. Per la Cassa forense il saldo tra contributi e prestazioni nel 2022 è positivo per oltre un miliardo, per l'Enpam per 471 milioni e per la Cassa dei dottori commercialisti (Cdc) per 620 milioni.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza