Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

La spoon river di Caterina la pastora

La spoon river di Caterina la pastora

Transumanza in un libro, un mondo isolato ma non noioso

TRIESTE, 12 novembre 2023, 18:18

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

CATERINA DE BONI, A PASSO DI PECORA. IL VIAGGIO DI UNA PASTORA TRANSUMANTE (edicicloeditore; 187 pag.; 16 euro) Può tenere alta l'attenzione un libro per quasi duecento pagine descrivendo soltanto qualche mese di transumanza di una pastora che attraversa le montagne e le vallate tra il Friuli Venezia Giulia e il Veneto? Incredibilmente, sì. Non per il tono narrativo - che in questo caso è efficace ma scarno, a tratti ingenuo - e nemmeno per le descrizioni degli incantevoli luoghi: semplici, da cartolina.
    Tiene invece perché l'autrice - la pastora stessa - ama il suo lavoro e trasmette nelle pagine l'autenticità di questa passione e del mondo che si svolge intorno alla pastorizia.
    Non c'è soltanto la scoperta di un mestiere dimenticato o comunque mai conosciuto realmente con tutta la sua carica di novità, soprattutto c'è una 'spoon river' di figure caratteristiche di luoghi e culture ben lontani dal mainstream delle grandi metropoli e delle conurbazioni industriali.
    Riteniamo, erroneamente, che il mondo abbia senso e significato soltanto nei luoghi e gangli delle grandi interconnessioni, come sostiene il politologo indiano Parag Khanna. Dunque, quello di Caterina la pastora dovrebbe essere un banale mondo di periferia culturale e geografica. Una periferia che comincia ben oltre i limiti urbani, tanto distante dai punti nevralgici da costituire un mondo autarchico, parallelo. Qui non si accendono nemmeno i riflettori della cronaca: siamo nella dimensione in cui fa notizia una mucca che partorisce, la scomparsa da un anno all'altro della distesa di elleboro, sostituita da veratro, oppure è degno di nota il fatto che il vino di Nato, che abita a Fòses, quest'anno non sia di gran qualità.
    San Vito, Borca, Cancia, Zoldo, Alpago, Lama di Som: un mondo parallelo. Perfino la vip Cortina d'Ampezzo viene osservata da un'ottica che le fa perdere ogni forma di snobismo: gran parte dei boschi e dei prati di Cortina sono di proprietà delle "Regole d'Anpezo", amministrati dai capifamiglia ampezzani, discendenti dalle antiche famiglie originali della valle - i Zardini, i Menardi, i Ghedina - al contrario dei cortinesi, venuti da fuori e chiamati perciò anche cadoris. Ogni mondo è paese e dunque i cortinesi sono ancor oggi "forestieri". In questo spacchettamento etnico, dunque, i ladini fanno collettività a parte: né italiani né tedeschi, "abitanti delle terre alte, gli indomiti". Nel suo viaggio con uno o due pastori conducendo un gregge di mille pecore, Caterina incontra ogni anno gli stessi personaggi. Non è un viaggio monotono, al contrario, avventuroso, cadenzato anche da feste, bevute, musica. C'è il Tussi, mitico cuoco di rognoni e di minestrone di fagioli con i piedini di maiale; il Batifièr, che lascia parcheggiare il camper che segue i pastori vicino a casa sua; il Nani Tacia, silenzioso, tranquillo ma pericolosamente forte come una quercia e che per questo si caccia spesso nei guai; il Bepi del Vin con la inseparabile bicicletta Graziella sgangherata, e c'è il ricordo di don Pancino, a Vivaro, che era stato amico intimo di Edda Mussolini, che vinse una sfida con i nazisti salvando tante vite umane.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza