Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Conoscere la musica omaggia Puccini a cento anni dalla morte

Conoscere la musica omaggia Puccini a cento anni dalla morte

Il 29 novembre a Bologna, il duo pianistico dei fratelli Pollice

BOLOGNA, 28 novembre 2023, 12:24

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Nell'approssimarsi dei cento anni dalla morte di Giacomo Puccini, avvenuta il 29 novembre 1924 a Bruxelles, teatri, istituzioni musicali, case discografiche, società di concerto, università e conservatori saranno impegnati nell'importante celebrazione. Una piccola anteprima la offre l'associazione "Conoscere la Musica Mario Pellegrini" di Bologna con un singolare concerto in programma il 29 novembre alle 20.30 alla Sala Biagi (via Santo Stefano, 119): protagonisti i fratelli pianisti Aurelio e Paolo Pollice, che da quasi quarant'anni costituiscono un solido duo pianistico. Intenso il programma della serata con l'esecuzione di dodici nuove trascrizioni a quattro mani di Paolo Pollice di altrettante arie tratte dalle opere Manon Lescaut, Bohème, Tosca, Madama Butterfly e Turandot del compositore lucchese. È un chiaro omaggio all'arte della trascrizione per pianoforte a quattro mani, come andava di moda nell'Ottocento e nel primo Novecento, quando la pratica esecutiva al pianoforte nei salotti e nelle case private era l'unico metodo di diffusione delle grandi opere liriche, in mancanza delle registrazioni discografiche. Ma con questa intensa monografia pucciniana Aurelio e Paolo Pollice, già allievi rispettivamente di Sergio Perticaroli e Antonio Ballista, intendono rendere omaggio anche alle donne di Puccini e al legame di Puccini con le donne. "Le cronache tramandano che Puccini ebbe una intensa vita sentimentale - scrivono i due pianisti - e che tanto rigoglio di passione rimbalza sul suo teatro, ponendo la donna, al centro della scena. La stragrande maggioranza delle eroine pucciniane, ha una specifica cifra: Manon Lescaut, il peccato, Mimì, la fragilità, Tosca, la gelosia, Butterfly, la rinuncia e Turandot, il mistero. Se dal palcoscenico passiamo alla vita reale troviamo, nell'universo femminile di questo impenitente dongiovanni, figure in cui prevale la pochezza intellettuale, come se Puccini abbia bisogno di controllare la situazione con relazioni di quieta animalità, scevre da complicazioni. Fra tutte queste donne spicca come figura determinate per la vita di Puccini, Elvira Bonturi. Tutto parte, tutto succede e tutto si conclude intorno alla Divina Elvira".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza