Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

L'Italia ancora al centro del Festival di Musica di Cartagena

L'Italia ancora al centro del Festival di Musica di Cartagena

Il direttore Miscenà porta avanti una tradizione di cooperazione

BOGOTÀ, 28 novembre 2023, 16:32

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Il Festival della Musica di Cartagena de las Indias è uno dei tanti esempi della vicinanza culturale tra Colombia e Italia grazie alle tante collaborazioni messe in piedi tra istituzioni accademiche dei due Paesi nel corso dei suoi 18 anni di storia. Lo sottolinea all'ANSA il direttore del Festival, l'italiano Antonio Miscenà, secondo il quale "quanto più passa il tempo più tutti si rendono conto del gran lavoro che abbiamo fatto per l'Italia e la Colombia".
    Un lavoro riconosciuto anche dallo Stato colombiano che proprio quest'anno ha designato il Festival come Patrimonio Culturale della Nazione.
    L'edizione che prenderà il via il 5 gennaio del 2024, dedicata alla "Sinfonia della Natura", rafforza d'altra parte la tradizione di cooperazione accademica con l'organizzazione di un 'diploma in musica da camera' a cura del Conservatorio Giovan Battista Martini di Bologna, e con la realizzazione di un seminario di liuteria a cura dei maestri dell'Istituto di Educazione Superiore Antonio Stradivari di Cremona.
    Il programma del Festival sarà centrato invece sul repertorio dei compositori del nord Europa che maggiormente hanno indagato la relazione tra musica e natura, come Edvard Grieg, Carl Nielsen, Jean Sibelius senza tralasciare i classici come Antonio Vivaldi e Joseph Haydn.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza