Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Greenpeace, Meloni e i suoi ministri parlano poco di clima

Greenpeace, Meloni e i suoi ministri parlano poco di clima

ROMA, 01 dicembre 2023, 19:15

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

I leader politici italiani continuano a parlare pochissimo di crisi climatica, anche in quei mesi in cui gli eventi climatici estremi hanno trovato maggiore spazio sui mezzi d'informazione. Lo sostiene una nuova analisi realizzata dall'Osservatorio di Pavia per conto di Greenpeace Italia.
    Secondo la ricerca, "sono in particolare gli esponenti di governo, prima fra tutti Giorgia Meloni, a ignorare la crisi, e a includere, nei loro pochi discorsi sul tema, posizioni" giudicate da Greenpeace "ambigue o talvolta di opposizione alle azioni da intraprendere per la salvaguardia del clima".
    L'Osservatorio di Pavia ha preso in considerazione, nel periodo tra maggio e agosto 2023, tutte le dichiarazioni sulla crisi climatica e sulla decarbonizzazione di tredici leader politici ed esponenti di governo postate su Facebook, raccolte dai cinque quotidiani nazionali più diffusi (Corriere della Sera, la Repubblica, Il Sole 24 Ore, Avvenire e La Stampa) e dai telegiornali serali delle reti Rai, Mediaset e La7. L'elenco delle figure politiche comprende: Bonelli, Calenda, Conte, Fratoianni, Giorgetti, Lollobrigida, Magi, Meloni, Pichetto Fratin, Renzi, Salvini, Schlein e Tajani.
    Nel quadrimestre oggetto del monitoraggio sono state registrate solamente due dichiarazioni da parte della Presidente del Consiglio in materia di clima, entrambe riportate dalla carta stampata, mentre l'analisi non ha rilevato il tema nei suoi post su Facebook o nelle sue dichiarazioni riportate dai telegiornali.
    La frequenza delle dichiarazioni sulla crisi climatica dei leader politici è in generale molto bassa: sono appena lo 1,2% sul totale delle dichiarazioni rilasciate ai TG e salgono al 3,8% sul totale dei post pubblicati su Facebook. I leader della sinistra come Bonelli, Fratoianni e Schlein che ne parlano più degli altri. Unica eccezione nel fronte di governo, il ministro Pichetto Fratin.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza