Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

L'hotel Cala di Volpe, simbolo della Costa Smeralda compie 60 anni

L'hotel Cala di Volpe, simbolo della Costa Smeralda compie 60 anni

150 fotografie ripercorrono la storia dell'albergo recentemente restaurato

PORTO CERVO, 27 luglio 2023, 19:45

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Centocinquanta fotografie che ripercorrono la storia dell'Hotel Cala di Volpe, iniziata 60 anni fa, sono racchiuse nel volume di Nicky Swallow, edito dalla casa editrice americana Assouline, presentato nei giorni scorsi al Waterfront di Porto Cervo.
    L'albergo di lusso simbolo della Costa Smeralda ha da poco concluso un imponente lavoro di restyling, iniziato nel 2018, che ha portato ad una evoluzione dell'hotel, mito del passato che guarda al futuro sempre all'insegna del suo stile (tutte le camere sono diverse l'una dall'altra con i richiami alla Sardegna nell'arredamento).
    "Con la pubblicazione del libro di Assouline, non solo celebriamo i 60 anni del Cala di Volpe, ma anche la rinascita di un icona dell'Hotellerie mondiale, che dopo la ristrutturazione affidata a Bruno Moinard e Claire Bétaille ritorna ancora più spettacolare di prima e diventa una vera e propria destinazione nella destinazione", spiega il ceo di Smeralda Holding, Mario Ferraro.
    La coppia di architetti Moinard e Bétaille ha raccontato la genesi dell'opera di restyling dell'Hotel Cala di Volpe. "Nel 1996 ebbi la fortuna di incontrare Madame Couëlle, per me fu quasi un'apparizione, ed ebbi così l'occasione di entrare in questo mondo prima di arrivare qui, per fare il restyling del Cala di Volpe nel miglior modo possibile, ci siamo approcciati con lo stesso spirito e la stessa modalità di colui che l'ha disegnato: Jacques Couelle. Lui si sdraiava per terra per captare le onde telluriche del luogo, oppure andava alla ricerca delle imperfezioni per poterle sublimare in bellezza. Noi abbiamo fatto lo stesso, cogliendo l'intensità del luogo", ha spiegato Bruno Moinard. "Si avverte molto bene quanto questo meraviglioso hotel sia amato, è un sentimento che riverbera nelle parole di chi lo racconta - conferma Claire Bétaille -. È come un bambino che tutti vogliono accarezzare e coccolare: questo posto sa farsi voler bene. Noi abbiamo fatto il possibile per rispettare il Cala di Volpe, abbiamo avuto un approccio contenuto nella famosa frase de Il Gattopardo 'Tutto deve cambiare affinché niente cambi'".
    Il profondo legame dell'Hotel Cala di Volpe con le persone, le storie, generazioni di clienti che creano un rapporto familiare con il gioiello della Costa Smeralda: tutto questo è racchiuso nei testi e nelle parole di Nicky Swallow, autrice del libro.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza