Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Stellantis, la Panda elettrica si farà in Serbia

Stellantis, la Panda elettrica si farà in Serbia

Sindacati, 'azienda ci dica quale modello si farà a Pomigliano'

ROMA, 04 dicembre 2023, 10:20

Amalia Angotti

ANSACheck

Fiat Panda - RIPRODUZIONE RISERVATA

Fiat Panda - RIPRODUZIONE RISERVATA
Fiat Panda - RIPRODUZIONE RISERVATA

La nuova Panda elettrica si farà nello stabilimento di Kragujevac, dove finora si è prodotta la Fiat 500L. A confermarlo è stato il presidente serbo Aleksandar Vucic, nelle dichiarazioni alla stampa con la premier Giorgia Meloni a Belgrado. "L'Italia potrà divenire nuovamente il primo partner economico e commerciale della Serbia quando Stellantis avvierà l'anno prossimo anno la produzione della nuova Panda elettrica" ha spiegato Vucic. Il presidente serbo ha aggiunto che Stellantis potrebbe anche effettuare altri investimenti nell'industria automobilistica che è la maggiore fonte di investimenti stranieri diretti in Serbia. La notizia arriva a pochi giorni dal tavolo automotive convocato per il 6 dicembre dal ministro delle imprese e del made in Italy, Adolfo Urso, al quale parteciperanno Stellantis, sindacati, Anfia e Regioni. Oggi la Panda si fa a Pomigliano ed è il modello più venduto di Stellantis: la produzione - secondo indiscrezioni - continuerà e il modello si chiamerà Pandina. "L'azienda ci ha ribadito nell'incontro sindacale del 23 novembre a Mirafiori - spiega Ferdinando Uliano, segretario nazionale della Fim - che verrà assegnato un altro modello allo stabilimento campano senza menzionare quale tipologia di modello. Se le notizie che giungono dalla Serbia vengono confermate da Stellantis, diventa urgente e indispensabile conoscere quale modello di vettura sostituirà l'attuale Panda. Oggi lo stabilimento di Pomigliano d'Arco è in una situazione particolarmente positiva per i volumi grazie alle produzioni di Alfa Romeo Tonale, del Dodge Hotnet e della Fiat Panda. Tutto questo ha consentito di azzerare la cassa integrazione sulle linee produttive e di assorbire l'attività di circa 1200 lavoratori provenienti dagli altri siti italiani". Per Samuele Lodi, segretario nazionale della Fiom-Cgil e responsabile del settore mobilità è "una decisione inaccettabile che contrasteremo in tutti i modi - afferma - perché I lavoratori di Pomigliano non si toccano. Una decisione nel metodo e nel merito da ritirare: così l'incontro previsto il 6 dicembre al Mimit con Stellantis e il governo si preannuncia come un ennesimo colpo ai lavoratori italiani di Stellantis".

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza