Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Alfa Romeo Stelvio 2.2 turbodiesel Q4, quotidianità sportiva

Alfa Romeo Stelvio 2.2 turbodiesel Q4, quotidianità sportiva

Il diesel con la trazione integrale è un binomio di successo

ROMA, 02 dicembre 2023, 09:01

Redazione ANSA

ANSACheck

Alfa Romeo Stelvio 2.2 turbodiesel Q4, quotidianità sportiva - RIPRODUZIONE RISERVATA

Alfa Romeo Stelvio 2.2 turbodiesel Q4, quotidianità sportiva - RIPRODUZIONE RISERVATA
Alfa Romeo Stelvio 2.2 turbodiesel Q4, quotidianità sportiva - RIPRODUZIONE RISERVATA

di Valerio Verdone

Nella gamma dell'Alfa Romeo Stelvio, recentemente rivista, non mancano le varianti turbodiesel, un'alimentazione che ancora oggi viene scelta da molti automobilisti. Abbiamo provato la versione 2.2 turbodiesel da 210 CV, quella più potente, che può contare anche sulla trazione integrale.
    Il look è quello che abbiamo apprezzato con l'introduzione delle novità stilistiche dell'ultima ora, quindi è stato impreziosito attraverso i fari Full-LED Matrix adattivi con fanaleria "3+3" e dai gruppi ottici posteriori dalla finitura fumé che lasciano intravedere la parte interna. La versione Veloce della nostra prova, inoltre, può contare sui cerchi da 20 pollici bicolore, che sfoggiano le pinze dei freni rosse, e sui particolari neri che evidenziano diversi punti della carrozzeria conferendo un carattere dinamico a tutto l'insieme.
    La linea della Stelvio non sembra aver risentito degli anni, e con gli interventi del centro stile è ancora moderna senza rinnegare la tradizione, come si evince dal disegno del frontale. La vista posteriore presenta un lunotto inclinato in stile coupé, ma lo spazio per la testa di chi siede dietro non è stato sacrificato sull'altare del design.

    Una volta a bordo, si ritrova quella plancia familiare che, attraverso la nuova strumentazione digitale, consente di scegliere anche un quadro strumenti dalla grafica vintage. Per la verità sulla Stelvio uno stile moderno funziona maggiormente, ma anche in questo caso il legame con la tradizione rappresenta un fiero ricordo dell'origine del brand.
    Lo schermo dell'infotainment non è tra i più grandi della categoria, e nemmeno in una posizione che spicca rispetto agli altri comandi, ma è ben integrato e non inficia il disegno complessivo degli interni. Eppure è moderno, dialoga con gli smartphone e può contare sugli aggiornamenti over the air. A ricordare al conducente che questo Suv è una vera Alfa, anche se a ruote alte, pensano le palette in alluminio dietro il volante per gestire il cambio manualmente, i sedili dal taglio sportivo, ed una posizione di guida ben centrata. Non mancano dettagli silver per rendere l'ambiente ancora più accattivante, mentre il bagagliaio con 525 litri utili ha una capienza a prova di famiglia anche se non è il più grande in questa fascia di mercato.
    È tra le curve però, che la Stelvio fa subito capire quanto sia valida la sua piattaforma Giorgio, quanto sia rapido lo sterzo, e quanto sia stabile in appoggio. La naturalezza con cui si lascia condurre la rende un punto di riferimento nella categoria, ed il turbodiesel da 2,2 litri con i suoi 210 CV e 470 Nm di coppia massima, riesce a spostare la massa del Suv del biscione senza sforzo apparente, grazie anche al supporto del cambio automatico ad 8 rapporti fluido e preciso nel passaggio tra una marcia e l'altra.
    Un altro punto di forza a livello dinamico e sul fronte della sicurezza è la trazione integrale Q4 che, in meno di 150ms, trasferisce fino al 50% della coppia motrice all'assale anteriore. Di norma si percepisce che è il retrotreno che conduce le operazioni, soprattutto in ingresso di curva, ma la presa delle ruote anteriori sull'asfalto bagnato evidenzia l'operato da parte del sistema Q4 puntale e discreto nell'intervenire. In questo quadro lusinghiero, il motore, in alcuni frangenti, a freddo, e nelle fasi di accelerazione, può risultare rumoroso. A livello di consumi siamo tra i 13 ed i 14 km/l, un valore che consente un utilizzo quotidiano, perché decisamente più favorevole di quello della variante a benzina.
    Per avere tutti gli aiuti alla guida disponibili, è consigliabile scegliere il pack techno da 1.500 euro, che annovera il traffic jam assist, l'intelligent speed control, il sistema d'allarme perimetrale e volumetrico, e l'highway assist sistem. Il costo della Stelvio 2.2 turbodiesel Q4 Veloce è di 66.450 euro, promozioni escluse, e la ricca dotazione di serie può essere integrata essenzialmente da due pacchetti, tra cui quello Harman Kardon che annovera l'impianto audio con 14 altoparlanti. 

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza