Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Sardegna, 100 morti sulle strade nel 2022 con un +9.9%

Sardegna, 100 morti sulle strade nel 2022 con un +9.9%

Nell'Isola 3.313 incidenti, soprattutto nelle aree urbane

CAGLIARI, 14 novembre 2023, 14:32

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Cento persone sono morte in Sardegna, nel 2022, a causa di incidenti stradali. Un incremento di quasi il 10% (9.9%) di vittime sul 2021 con Sassari (30) e Cagliari (21) tra le province che contano più decessi nelle strade isolane dove, complessivamente, si sono verificati in Sardegna 3.313 incidenti, che hanno causato il ferimento di 4.557 persone. I dati sono stati diffusi dall'Istat.
    Nel periodo 2001-2010 le vittime della strada si sono ridotte in Sardegna del 50,0%, più della media nazionale (-42,0%); fra il 2010 e il 2022 si registrano variazioni, rispettivamente di -5,7% e -23,2%. Nello stesso periodo l'indice di mortalità sul territorio regionale aumenta (da 2,5 a 3,0 deceduti ogni 100 incidenti), mentre quello nazionale non subisce variazioni (1,9 decessi ogni 100 incidenti).
    Nel 2022 il maggior numero di incidenti (1.929, il 58,2% del totale) si è verificato sulle strade urbane, provocando 31 morti (31,0% del totale) e 2.454 feriti (53,9%). Rispetto all'anno precedente i sinistri diminuiscono del 2,7% in ambito urbano e aumentano del 13,6% sulle strade extraurbane. Gli incidenti più gravi avvengono sulle strade extraurbane (5,0 decessi ogni 100 incidenti) mentre nelle strade urbane l'indice di mortalità si ferma a 1,6.
    Tra le arterie stradali nelle quali si registrano più decessi la Statale 389, con 4 morti (3 nel 2021) e l'indice di mortalità pari a 28,6 (30,0 nel 2021), la SS129 con indice di mortalità pari a 14,8 (nessun deceduto nel 2021). Grave la situazione delle SS125 e SS126 con 3 decessi ciascuna (rispettivamente 6 e 4 nel 2021) e della strada provinciale 1 di Oristano con 3 morti e indice di mortalità pari a 25,0. I comuni di Cagliari e Sassari registrano il maggior numero di morti (rispettivamente 8 e 5 nel 2022, 8 e 6 nel 2021), mentre nel comune di Quartu S.Elena si registrano 4 morti e un'indice di mortalità pari a 3,3 (5 e 3,4 nel 2021). 

   

Mancata precedenza e guida distratta tra cause degli incidenti

 Il mancato rispetto delle regole di precedenza, procedere senza mantenere la distanza di sicurezza e la guida distratta rappresentano le prime tre cause di incidenti stradali in Sardegna, complessivamente il 40,1% dei casi. Lo rileva l'Istat nel report diffuso questa mattina sui sinistra stradali nell'Isola nel 2022. Considerando solo le strade extraurbane, la guida distratta incide da sola per il 19,3%, mentre il procedere senza mantenere la distanza di sicurezza per il 11,1% e l'elevata velocita per il 10,4% Riguardo la mortalità il tasso standardizzato è più alto per la classe di età 30-44 anni (10,4 per 100mila abitanti) e per quella 65+ anni (6,7 per 100mila abitanti). I conducenti dei veicoli coinvolti rappresentano l'84% delle vittime e il 66,5% dei feriti in incidenti stradali, le persone trasportate il 7% dei morti e il 24,3% dei feriti, i pedoni il 9% dei deceduti e il 9,2% dei feriti. Il 55,6% dei pedoni rimasti vittima di incidente stradale appartiene alla classe di età 65+ mentre il 66,7% dei pedoni feriti ha più di 44 anni.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza