Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Otto ore di sonno a notte per scongiurare il rischio diabete

Otto ore di sonno a notte per scongiurare il rischio diabete

Chi dorme di più o di meno ha più chance di ammalarsi

ROMA, 22 agosto 2023, 12:32

Redazione ANSA

ANSACheck

(Foto di archivio) - RIPRODUZIONE RISERVATA

(Foto di archivio) - RIPRODUZIONE RISERVATA
(Foto di archivio) - RIPRODUZIONE RISERVATA

Un sonno regolare potrebbe avere effetti anti-diabete, infatti una nuova ricerca pubblicata sulla rivista Sleep Health dimostra che dormire troppo poco o troppo a lungo si associa al diabete di tipo 2. Lo studio ha coinvolto 5.561 individui di età compresa tra 40 e 75 anni arruolati nell'ambito dello studio Maastricht.
    I ricercatori della Università di Maastricht hanno utilizzato un test di tolleranza al glucosio per valutare lo stato del metabolismo del glucosio dei partecipanti dopo un digiuno notturno. Per stimare la durata del sonno, i partecipanti hanno indossato sulla coscia un dispositivo chiamato accelerometro per otto giorni consecutivi. I risultati hanno rivelato che la probabilità di avere il diabete di tipo 2 era tanto maggiore quanto più la durata del sonno si discostava dalle 8 ore, sia che si dormisse meno sia più a lungo. Questa associazione persisteva anche dopo aver considerato fattori quali il fumo, il consumo di alcolici, la dieta e l'attività fisica.
    "Il nostro studio rafforza la crescente comprensione della potenziale importanza del sonno nel contesto del diabete di tipo 2 - spiega l'autore principale dello studio, Jeroen Albers.
    Nello specifico, i risultati evidenziano un legame tra durata del sonno e diabete, indipendentemente da altri fattori di rischio legati allo stile di vita. Ciò contribuisce a comprendere l'importanza di coltivare sane abitudini di sonno - continua. Esistono molteplici meccanismi fisiologici che potrebbero spiegare il legame osservato tra durate del sonno sia più brevi che più lunghe e il diabete di tipo 2". Serviranno ulteriori ricerche per scoprire e sfruttare a scopo preventivo e terapeutico i meccanismi coinvolti, conclude. 
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza