Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Gimbe, nella nuova versione del Pnrr meno intensive e case di comunità 

Gimbe, nella nuova versione del Pnrr meno intensive e case di comunità 

Scompaiono quasi 500 strutture territoriali

ROMA, 30 novembre 2023, 11:39

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Alcune misure sono "condivisibili" come l'ulteriore potenziamento dell'assistenza domiciliare e della telemedicina, altre sono "incomprensibili" come il taglio dei posti di terapia intensiva, altre ancora rischiose, perché potrebbero "lasciare indietro le Regioni meridionali". È questo il giudizio della Fondazione Gimbe sulla revisione della Missione Salute del Pnrr richiesta dal Governo e approvata nei giorni scorsi dalla Commissione Europea.  La nuova versione, ricorda Gimbe, taglia, rispetto alla formulazione originaria, 479 strutture territoriali così divise: 312 case di comunità, 120 centrali operative territoriali, 47 ospedali di comunità. Si rinuncia inoltre a 25 interventi di anti-sismica. Un intervento "inevitabile" per "l'aumento dei costi di realizzazione di opere preventivate in era pre-pandemica e antecedenti alla crisi energetica", dichiara in una nota il presidente della Fondazione Gimbe, Nino Cartabellotta. "Tuttavia, se ad essere espunte saranno le strutture da realizzare ex novo, saranno prevalentemente le Regioni del Centro-Sud a essere penalizzate". Bene invece l'incremento del target del numero di over-65 da prendere in carico in assistenza domiciliare (che passa da almeno 800 mila a 842 mila) e del numero di pazienti assistiti in telemedicina (da almeno 200 mila a 300 mila). La sua "implementazione è tuttavia condizionata dall'inserimento delle varie prestazioni nei livelli essenziali di assistenza", precisa Cartabellotta.
È invece "poco comprensibile" "la rimodulazione al ribasso del numero di posti letto in terapia intensiva e sub-intensiva di ben 1.803 unità (ovvero 1 su 4)", prosegue il presidente Gimbe. "Non era prevista nella proposta di rimodulazione del 27 luglio 2023; riguarda un progetto già finanziato con i fondi del decreto rilancio; infine, il potenziamento di queste strutture rappresenta una misura chiave del nuovo piano pandemico", conclude Cartabellotta. 

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza